Tumori, Pisa: azienda finanzia tattoo per donne operate al seno

Pisa
immagine di archivio

L’azienda Esanastri di Calcinaia (Pisa) è  tra i leader mondiali nella stampa serigrafica e digitale ed emblemi in 3D. il progetto  in collaborazione con l’associazione Non più sola Onlus di Pontedera e Asl Toscana Nord-Ovest

Una campagna di informazione e prevenzione del tumore al seno ha avviato per le sue 40 dipendenti e un progetto di formazione professionale intitolato  ‘Un tattoo 3D per rinascere dopo un tumore al seno’: sono le iniziative messe in campo da Esanastri di Calcinaia (Pisa),  tra i leader mondiali nella stampa serigrafica e digitale ed emblemi in 3D.

Grazie a quest’ultima iniziativa, un’infermiera dell’ospedale di Pontedera, in provincia di Pisa,  potrà acquisire e utilizzare la tecnica di dermopigmentazione medicale per la zona areola-capezzolo delle donne che hanno subìto interventi di mastectomia e ricostruzione, trattamento esteticamente molto importante per il recupero psicofisico e sociale della donna.

“Con orgoglio – commenta Francesca Posarelli, ad di Esanastri e presidente della sezione Pmi del’Unione industriale di Pisa – siamo accanto a Non più sola Onlus con l’obiettivo comune di sostenere il diritto delle donne a un’informazione corretta, dedicata, sicura e attenta fornendo così un aiuto concreto nel percorso di prevenzione del tumore al seno. La nostra azienda è specializza nel trasferire immagini con serigrafie e stampa digitale, visto che lavoriamo su auto, treni e molte altre superfici, sapere che, anche grazie al nostro supporto, un’infermiera potrà ‘decorare’ il seno di una donna e aiutarla così a superare dal punto di vista psicologico questa menomazione ci rende molto felici”.

Esanastri ha poi avviato per le sue dipendenti la campagna informativa ‘Il nastro rosa’ attraverso un primo incontro in azienda, avvenuto lo scorso 14 ottobre, e la distribuzione di una brochure divulgativa, realizzata in collaborazione con Non più sola, nella quale viene approfondito il tema dei carcinomi alla mammella, dalla loro varietà ai sintomi, dalla loro incidenza all’importanza della diagnosi precoce, dai fattori di rischio fino a prevenzione primaria e screening mammografico.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments