WWF: “A Firenze non serve un aeroporto più grande, con ulteriore consumo di suolo”

WWF

Firenze, in concomitanza con la partenza del dibattito pubblico sul nuovo progetto della pista dell’aeroporto di Peretola, il Comitato Oasi Wwf Area Fiorentina: “Ribadisce il suo no al progetto di ampliamento, anche nella nuova versione”.

“Al di là dei dettagli tecnici del nuovo progetto, con una pista non più perfettamente parallela all’autostrada ma leggermente obliqua e con una lunghezza un po’ inferiore a quella del precedente progetto, – si legge nel comunicato – il WWF ribadisce come sia erronea l’impostazione di base della proposta”.

“A Firenze non serve un aeroporto più grande, con ulteriore consumo di suolo (a danno per altro delle poche aree verdi residue della Piana) e aumento dell’inquinamento, ma serve un migliore collegamento, in tempi e funzionalità, con l’aeroporto di Pisa”.

“Ricordiamo che la nostra Associazione è stata da sempre fermamente contraria all’ipotesi della nuova pista dell’aeroporto di Firenze per numerosi motivi che sono stati esplicitati più volte durante i vari momenti di confronto con gli atti di pianificazione pubblica”.

“Ricordiamo inoltre come la posizione del WWF non possa essere certo giudicata ‘di principio’ ma, al contrario, molto pratica e legata alla profonda conoscenza del territorio di cui si parla e del patrimonio ecologico paesaggistico presente. Il WWF è infatti da sempre attento alle problematiche della Piana Fiorentina e lavora da decenni in prima persona per darle un futuro attraverso la creazione e la tutela dei paesaggi più tipici di questo territorio che sono gli ecosistemi palustri, portando all’istituzione di ben due Oasi del Sistema Nazionale delle Aree Protette WWF, in collaborazione con gli Enti proprietari dei terreni, rispettivamente il Comune di Campi Bisenzio e l’Università degli Studi di Firenze: Oasi WWF Val di Rose e Oasi WWF Stagni di Stagni di Focognano”.

“Il progetto del nuovo aeroporto cancellerebbe completamente l’area di Val di Rose e sarebbe la prima volta in Italia che un’Oasi WWF viene spazzata via da una trasformazione urbanistica”.

“Se la nostra società intende davvero adottare la tanto decantata ‘transizione ecologica’, è l’ora di cambiare mentalità e approccio. E a poco servono progetti per abbellire o nascondere alcune strutture come il nuovo terminal, quando in realtà resta un enorme consumo di territorio e di risorse; ci servono invece soluzioni concrete per vivere in modo più sostenibile e utilizzare al meglio le risorse che abbiamo”.

guest
1 Comment
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Annamaria
Annamaria
2 mesi fa

Salve spero vivamente che riusciate a bloccare questo insensato progetto. È inutile sbandierare che Firenze ha necessità di un aereoporto, non esiste città che ha l aeroporto dentro la città. Anche Hong Kong ha modificato il suo traffico aereo, costringendolo fuori città,.Sono tutti nell interland proprio per salvaguardare la salute e l immenso impatto che potrebbe avere un aereoporto , nel nostro caso,a Peretola. Luogo già congestionato attualmente ,cosa diventerebbe dopo? Esiste già Pisa funzionale ma non supportato da una logistica adeguata e non voluta da chi ci governa. Mi viene da pensare che nella ipotesi aereoporto di Firenze ci siano forti interessi economici appetitosi per pochi., che vanno ad annientare le problematiche di salute della cittadinanza e dell ‘ ambiente che riguarderebbero tutti noi. Ma é mai stato chiesto ai fiorentini cosa ne pensano? Mi sono trovata una sera d estate in quel di Badia a Settimo e vi posso assicurare che l’impatto del traffico aereo sopra Badia é impressionante, pensavo ad esercitazioni militari ma chi abita li mi ha detto che per loro é normalità é il traffico aereo dell aereoporto. Io inviterei le istituzioni a passare una giornata in quei luoghi e forse , dico solo forse , si potrebbero rendere conto di cosa vuol dire aerei che passano sopra la tua casa. Scusate se mi sono dilungata ma non avevo mai trovato dove esporre le mie umili argomentazioni.
Lottate lottate lotttate.
Annamaria