Opera Penone vandalizzata dallo stesso che colpì Abramovic

Opera
©Controradio

Firenze, è tornato in azione Vaclav Pisvejc, l’uomo già noto per atti di sfregio e danneggiamento di altre opere d’arte, ma anche per aver colpito alla testa l’artista Marina Abramovic. Stavolta ha vandalizzato l’opera ‘Albero del Paradiso’ di Giuseppe Penone, in piazza della Signoria, lasciando una scritta sulla base.

Se ne è accorto un vigile urbano che lo ha notato aggirarsi intorno all’installazione con una camicia azzurra nel tentativo di ‘immortalarsi’ insieme alla scritta e a uno stendardo. Dalle telecamere è poi emerso che l’uomo dopo aver imbrattato l’opera si era spostato in via dei Magazzini per cambiarsi d’abito e non essere individuato dalle telecamere.

Al momento del fermo indossava infatti una camicia a quadri. Lo stendardo è quello della mostra ‘Beautiful Lies’ di Ali Banisadr, da poco conclusa nella sala dei Gigli di Palazzo Vecchio: subito dopo il vandalismo, infatti, l’uomo, spacciandosi per responsabile della mostra, si è fatto consegnare lo stendardo dalla ditta impegnata nello smontaggio degli allestimenti sull’Arengario di Palazzo Vecchio.

Vaclav è stato denunciato per imbrattamento e sostituzione di persona. Ha già avuto precedenti di questo tipo a Firenze, tenendo nel mirino, finora, l’arte contemporanea: sempre in piazza della Signoria aveva imbrattato con vernice rossa la scultura dell’artista Urs Fischer, aveva tappezzato di dollari le facciate dell’ex convento di Sant’Orsola ed era salito sul parapetto della terrazza degli Uffizi. Aveva pure colpito con un quadro in testa – ma senza ferirla gravemente – l’artista Marina Abramovic in Palazzo Strozzi.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments