Firenze, morì in India per Covid: piantato un ulivo in ricordo

Covid Firenze
Covid

Sarà piantato nel pomeriggio, nel parco Don Forconi di Firenze, un ulivo in ricordo di Enzo Galli, il 45enne residente a Campi Bisenzio (Firenze), morto a causa del Covid il 25 agosto scorso, dopo essere tornato dall’India dove si era recato con la moglie Simonetta Filippi, per l’adozione di una bambina.

L’iniziativa a Firenze, a cui parteciperà anche la vedova è stata organizzata nell’ambito della seconda Giornata nazionale in Memoria delle vittime sanitarie del Covid-19. “Per me è un momento molto pesante – commenta Simonetta Filippi – perché ogni volta è un consolidare il fatto che Enzo non c’è più, ma questa iniziativa mi fa tanto piacere perché è nata dai tecnici dell’ufficio mobilità del Comune che nutrivano un grande affetto per Enzo. Lui lavorava per un’azienda per la quale doveva chiedere permessi al Comune e i tecnici dell’ufficio lo ricordano con grande affetto. E’ stato un gesto di amore da parte loro, fatto con il cuore”. Anche la donna si ammalò di Covid in India e pure la bimba.

“Ora noi stiamo bene – spiega – io sto finendo le cure post-Covid. Mia figlia è una bambina serena che cresce amata dai nonni e dagli zii. E si ricorda benissimo del papà perché in quelle due settimane che sono stati insieme in hotel in India mentre io ero all’ospedale lui è stato molto importante e incisivo per lei. Spero che si ricordi per tutta la vita i valori del papà che ha fatto un grande atto di amore nei suoi confronti sacrificando anche la sua vita”:

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments