Disco della settimana: Benny Sings “City Pop”

benny sings city pop

AOR e Yacht Rock, jazz, indie pop e lounge music, il curiosissimo ibrido proposto da questo talentuoso quanto misconosciuto talento olandese che si presenta col nome di “Benny Sings”.

Tim van Berkestijn è un poliedrico musicista e compositore olandese, con il nome d’arte Benny Sings dal 2003 ha pubblicato 4 album in studio e un live. Dagli esordi con la prima band, The Loveboat, , Benny ha poi suonato il basso nella band hip-hop Abstract Dialect, ha composto e prodotto con la band soul Heavenly Social e collaborato con aristi del calibro di Mayer Hawthorne, Anderson. Paak, Rex Orange County, Mocky, The Free Nationals, Goldlink, DATA, 4Hero e molti altri. Fa inoltre fa parte del collettivo hip-hop in lingua olandese, De Toffen e le sue composizioni sono state richieste per i commercial di importanti marchi come Louis Vuitton, BMW e Citroën. I suoi lavori sono usciti per Dox Records e Kindred Spirits, Stones Throw Records e sulla Sonar Kollective dei Jazzanova e hanno sonorizzato tv serial di Netflix e HBO. Eppure tutto questo è accaduto in una strana “sordina”, tanto che l’Huffington Post gli dedicò questo curioso articolo “Questo cantante di Amsterdam è il miglior artista che non conosci” .

benny sings

Per le sue produzioni con lo pseudonimo di Benny Sings sono stati spesso usati i termini AOR (adult-oriented rock) e Yacht Rock, ed è inevitabile fare riferimento a Steely Dan, 10 CC o Supertramp, ma è la sensibilità, a cavallo tra indie pop e lounge music (nel disco un cameo di Cornelius) a rendere il lavoro decisamente attuale e fruibile. City Pop è stato ispirato e scritto nelle città di tutto il mondo, tra cui New York, Los Angeles, Tokyo, Parigi e la città natale di Benny, Amsterdam.
avatar