Calcio Storico, le confessioni dei calcianti nel film “Quattro Colori”

“Troppo piccolo per essere una guerra, ma troppo crudele per essere un gioco”. E’ racchiuso tutto in questa frase il senso del nuovo film sul Calcio Storico “Quattro Colori”, del fotografo irlandese Donal Moloney. In prima visione italiana martedì 23 giugno, alle 21.30 all’Arena di Marte

Un film originale, che non segue soltanto le azioni sul sabbione di Santa Croce, ma si concentra soprattutto sull’intimità e l’identità di quattro calcianti, uno per ciascun Colore, a partire da un mese prima della partita, intervistandoli al di fuori di luoghi comuni, seguendoli passo passo nella loro vita quotidiana e nel loro lavoro e intervistando le loro famiglie, le loro mogli, le loro fidanzate, le loro madri, le loro figlie, che tremano insieme a loro ogni volta che si avvicina il torneo, per l’emozione della partita ma anche per la paura che si possa uscire dal campo con gravi infortuni.

Un documentario di 73 minuti in cui, attraverso un rapporto viscerale con la città di Firenze, c’è soprattutto quello che scorre dentro l’anima dei calcianti, come si preparano alle partite, cosa significa per loro disputare il torneo, il valore che ricopre e l’orgoglio di appartenere a questa tradizione. “In un mondo dove imperversa la globalizzazione – è spiegato dai produttori del film – Quattro Colori sposta il quadro generale al microscopio di uomini, persone e quartieri, ognuno dei quali è affiatato e disposto a lottare per la propria vita”. I quattro calcianti sono Emanuele Nannucci dei Verdi, Raffaele D’Eligio dei Bianchi, Luigi Ferraro degli Azzurri e Marco Casamassima dei Rossi.

Alla proiezione interverranno l’assessore alle tradizioni popolari Andrea Vannucci, il presidente del Calcio Storico Michele Pierguidi e lo storico Luciano Artusi.

GUARDA IL TRAILER:

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments