Vini, olio, formaggi, e salumi Made in Tuscany: “Valgono come l’oro”

vini

Firenze, secondo quanto comunicato da Coldiretti Toscana, Vini, olio, formaggi, salumi ed extravergine DOP e IGP Made in Tuscany valgono come l’oro (e forse anche di più).

Il comunicato di Coldiretti Toscana arriva in seguito all’inserimento del comparto olivicolo-oleario nel portale informatico del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali dove sarà possibile registrare telematicamente le operazioni. Il pegno rotativo è stato introdotto con un emendamento al Decreto Cura Italia e attuato dal Decreto ministeriale del 23 luglio 2020 ed è operativo dal febbraio 2021.

“L’agroalimentare di qualità della nostra regione è un pegno molto gradito alle banche interessate ad investire nella qualità e nel valore del Made in Tuscany. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana – Il valore complessivo delle filiere certificate nella nostra regione prosegue il suo percorso di crescita nonostante le molte difficoltà del periodo come conferma anche lo straordinario aumento delle esportazioni nel terzo trimestre. Nel mirino c’è un risultato storico: i 3 miliardi di euro di export. Un dato mai raggiunto prima. Le banche scommettono sul paniere di qualità della nostra regione sapendo benissimo che non correranno alcun rischio mentre le aziende ricevono liquidità anticipata che possono reimpiegare subito sul ciclo produttivo. L’estensione di questo strumento, già impiegato per formaggi e salumi a lunga stagionatura, a tutto il parterre di denominazioni di origine, sta rappresentando un interessante ed ulteriore strumento di finanziamento”.

Nei primi nove mesi del 2021 il pegno rotativo è stato utilizzato da 64 aziende a livello nazionale per i vini a denominazione d’origine, la metà delle aziende beneficiarie appartiene alla Regione Toscana. Il pegno rotativo è una forma di accesso al credito, nata in periodo di pandemia per aiutare il settore primario, che prevede che le specialità alimentari a denominazione di origine – spiega Coldiretti – possono essere date in pegno, a decorrere dal giorno in cui sono collocate nei locali di produzione e/o stagionatura e/o immagazzinamento in cambio di prestiti che vengono incassati mantenendo la proprietà del prodotto, e che può essere sostituito senza ulteriori stipulazioni. Si tratta – spiega Coldiretti – di una forma di finanziamento innovativa particolarmente adatta per alimenti che chiedono tempo per completare il ciclo produttivo come ad esempio l’invecchiamento dei vini, la stagionatura dei formaggi o l’affinamento dei salumi. Le aziende agricole ricevono quindi una liquidità anticipata rispetto ai tempi standard di completamento del ciclo produttivo.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments