Sanità: Ordine Pistoia contro Asl su sanzioni medici per ricette

L’Ordine dei medici di Pistoia si schiera contro l’Asl Toscana centro sulle sanzioni ad alcuni dottori di medicina generale. Questi ultimi effettuavano prescrizioni a favore di propri pazienti che l’Azienda sanitaria riterrebbe “inappropriate”. A renderlo noto lo stesso Ordine il cui presidente, Beppino Montalti.  L’Ordine pistoiese “sarà con tutti quegli iscritti che abbiao prescritto in modo consapevole e appropriato cercando di essere alleati dei propri pazienti”.

Montalti ricorda come “a nessuno sia consentito anteporre la logica economica alla logica di tutele della salute”, rimandando alla sentenza della Corte di Cassazione 8254-113 del marzo 2011. Per questo l’Ordine spiega anche che saranno valutate “tutte le segnalazioni che ci perverranno sull’operato prescrittivo di colleghi, rifiutando troppo facili giudizi ragionieristici emessi da soggetti non abituati a decidere in situazioni conflittuali e difficili, quali quelle costantemente vissute e subite dai nostri colleghi, ospedalieri e del territorio”.
Il presidente rileva inoltre che “nei due organismi territoriali di valutazione delle sanzioni, l’Ocap e Nta, nessun componente dell’Ordine dei medici di Pistoia, contrariamente a quanto previsto in delibera, è stato mai convocato né tanto meno è mai stato nominato un nostro rappresentante in questi due organismi”.
“Dopo aver sollevato il caso in questione – spiega ancora – sono stato convocato dal Nta per mercoledì 13 novembre, e sarà la prima volta da quando è stato istituito nel 2017. Interpreto questa convocazione come una pezza tardiva a quanto avvenuto e per questo l’Ordine ha istituito al suo interno un nucleo con il supporto di legali per esaminare tutte le contestazioni inviate ai medici”
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments