Pap: Stato requisisca stabilimento GKN

Gkn

Pap “non sono fallimentari ricerche di reindustrializzazioni, o nuove proprietà o assistenzialismo che salvano la Gkn. Ma la presa di coscienza che la multinazionale deve essere costretta a pagare per quello che ha fatto”.

Siano i committenti di GKN, tra cui il gruppo Stellantis (ex Fiat/FCA) a ‘far ragionare’ la proprietà della multinazionale, oppure tocca allo Stato intervenire rilevando lo stabilimento. lo dice a chiare lettere Potere al Popolo

“Il Governo, che ha già la responsabilità con lo sblocco dei licenziamenti di aver dato via libera a un massacro sociale, deve intervenire direttamente requisendo d’urgenza lo stabilimento (art. 42 Cost)” Gkn di Campi Bisenzio (Firenze) “e costringendo attorno a un tavolo la multinazionale e il principale suo committente, il gruppo Stellantis (ex Fca/Fiat), a garantire la piena continuità produttiva. Se questo non dovesse avvenire, dovrà essere lo Stato stesso ad assumere la responsabilità e la gestione dello stabilimento, come per altre realtà industriali si sta facendo”.

Così Giorgio Cremaschi, del coordinamento nazionale di Pap, e Francesca Conti, coordinatrice fiorentina del partito, che oggi hanno fatto visita ai lavoratori in presidio. “Siamo venuti a portare solidarietà e condivisione alla classe operaia della Gkn – sottolineano in una nota -. Lavoratrici e lavoratori preparatissimi, intelligenti e generosi. Non lottano solo per il loro sacrosanto posto di lavoro ma per tutte e tutti le lavoratrici e i lavoratori minacciati in questi giorni di finire in mezzo a una strada. Lo diciamo con chiarezza perché le chiacchiere e gli imbrogli sono a zero”.

Per gli esponenti Pap, “questa vertenza si può chiudere in un solo modo: con la riapertura dello stabilimento e la salvaguardia di tutti i posti di lavoro. Non sono fallimentari ricerche di reindustrializzazioni, o nuove proprietà o assistenzialismo che salvano la Gkn. Ma la presa di coscienza che la multinazionale deve essere costretta a pagare per quello che ha fatto”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments