Lucca: Lega attacca vescovo contrario a ‘sicurezza bis’

Il vescovo di Lucca, Paolo Giulietti nel mirino della Lega

Monsignor Giuletti aveva postato una foto in cui mostra un cartello contro l’approvazione del DL. Montemagni (Lega): “come un Tambellini qualsiasi. E attacca: ” luoghi di culto spesso semivuoti, mentre le piazze con la presenza del ministro Salvini sono sempre pienissime”

“Il vescovo di Lucca non faccia il politico, si adoperi a predicare il Vangelo ed a attrarre più fedeli nelle chiese cittadine”: così il capogruppo della Lega al Consiglio regionale della Toscana, Elisa Montemagni, sul prelato lucchese per una foto riportata oggi da Il Tirreno in cui lo si vede mostrare un cartello di critica al decreto sicurezza bis durante un’iniziativa pubblica in città domenica sera. Nel cartello c’è scritto ‘La disumanità non può diventare legge’. “E’ arrivato da poco, ma subito il nuovo vescovo di Lucca Paolo Giulietti si toglie l’abito talare ed indossa quello di un Tambellini qualsiasi (il sindaco di Lucca, ndr)”, afferma Elisa Montemagni esprimendo il suo “forte disappunto verso questa Chiesa, fortunatamente solo una parte di essa, che pensa quotidianamente a fare bassa politica e non alla cura delle anime dei fedeli che, tra l’altro, a Lucca paiono un po’ scarseggiare, visto che i luoghi di culto sono spesso semivuoti, mentre le piazze con la presenza del ministro Salvini, anche in piena estate, sono sempre pienissime”. “Tra l’altro – conclude la capogruppo leghista in Regione – invito il responsabile della diocesi lucchese a leggere attentamente i 18 articoli del decreto prima di emettere giudizi così trancianti su un documento che vuole garantire maggiore sicurezza e quindi più serenità ai cittadini”.

‘Io sto dalla parte dell’arcivescovo di Lucca Paolo Giulietti e dalla parte della liberta’ di
espressione. Rivendico orgogliosamente di avere votato contro il decreto sicurezza bis del ministro Salvini’ asfferma invece ll presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci

avatar