🎧 Kirsten Aschengreen Piacenti, è morta durante il week end

Kirsten Aschengreen Piacenti
🎧 Kirsten Aschengreen Piacenti, è morta durante il week end
/

È scomparsa nel week end, Kirsten Aschengreen Piacenti, studiosa già direttrice del museo degli Argenti e del Museo Stibbert di Firenze, Cristina, così la chiamavano italianizzando il suo nome nordeuropeo, è morta nella sua casa nel Comune di Reggello.

Di origini danesi, Kirsten Aschengreen Piacenti, aveva studiato a Londra e poi a Firenze, dove spese poi la sua vita lavorativa. Negli ultimi anni si era dedicata anche alla salvaguardia del Castello di Sammezzano.

In podcast il ricordo dell’assessore alla cultura e presidente del museo Stibbert Tommaso Sacchi, intervistato da Gimmy Tranquillo

“A Firenze e al mondo della cultura e dell’arte mancherà una voce tra le più lucide e competenti, sempre appassionata e intenta fino all’ultimo allo studio della conservazione e della diffusione del bello – Afferma l’assessore alla cultura e presidente del museo Stibbert Tommaso Sacchi – Kirsten è stata uno straordinario esempio di come studio e passione possano essere fari che rischiarano un’intera esistenza e gettano luce anche su chi aveva la fortuna di incontrarla e di lavorare con lei. Alla famiglia giungano le condoglianze dell’amministrazione comunale di Firenze e mie personali”.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, e la coordinatrice del Tesoro dei Granduchi, Valentina Conticelli, esprimono il loro cordoglio per la scomparsa, il 9 aprile, di Kirsten Aschengreen Piacenti: “Per i suoi importanti e pionieristici contributi, per l’intelligenza con cui ha saputo riordinare – e in molti casi riscoprire – le collezioni da lei curate – ricordano Schmidt e Conticelli – Kirsten Aschengreen Piacenti rimane un modello di funzionaria e studiosa di prima grandezza, che si è dedicata con passione e metodo a studi fondamentali, innovativi e lungimiranti. Tra le molte sue iniziative ricordiamo la costituzione del Museo delle Porcellane e del Museo del Costume; tra i suoi brillanti raggiungimenti scientifici si annovera il monumentale catalogo dell’allora Museo degli Argenti – edito nel 1967 – oltre a una bibliografia assai vasta e ancora oggi per molti aspetti insuperata su oreficerie, porcellane, mobili, avori e gioielli. La sua figura di storica dell’arte dalle competenze vastissime e votata al lavoro costituisce un esempio indimenticato, cui si aggiunge la militanza in difesa delle bellezze di Firenze e del territorio, cui si è dedicata con impegno ed efficacia straordinari”.

Le Gallerie degli Uffizi ricorderanno Kirsten Aschengreen Piacenti nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, non appena le misure di contenimento anti-Covid lo renderanno possibile.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments