“Il nostro approccio al Coronavirus? Figlio di una deriva salvifico-moralista”

“Il nostro approccio al Coronavirus? Figlio di una deriva salvifico-moralista”
Podcast

 
Play/Pause Episode
00:00 / 00:09:21
Rewind 30 Seconds
1X

Intervista con il professor RICCARDO MANZOTTI, docente filosofia teoretica IULM Milano

“In questa atmosfera irrazionale, resa possibile dalla tradizionale mancanza di cultura scientifica, l’applicazione del diktat diventa un articolo di credo, spesso imposto più dai fedeli (i solerti sceriffi da balconi) che dalle stesse autorità (vigili e polizia). Si chiudono parchi e aree balneari, si inviano i droni per individuare pericolosi camminatori solitari, si inviano elicotteri per stanare bagnanti e subacquei (non è una esagerazione). A nulla vale il fatto che, a detta della OMS, il virus non sopravvive all’aperto sotto l’effetto dei raggi del sole e che, anzi, basterebbe l’aria aperta per disperdere la carica virale sotto ogni soglia di pericolo. Contro ogni ragione, l’ambiente esterno è associato con la libertà di pensiero e di movimento in cui i cittadini impauriti da una propaganda martellante dei media non possono che credere. Come ha recentemente scritto Recalcati, “l’odio è non sopportare la libertà dell’altro”.

ASCOLTA IL PODCAST

0 0 vote
Article Rating
guest
6 Commenti
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano Menichetti
Stefano Menichetti
7 mesi fa

Sono dispiaciuto purtroppo la mia radio preferita ha una posizione che trovo superficiale. Quanto detto stasera dai due ospiti proposti circa l’irrilevanza di una passeggiata all’aperto nei confronti del contagio e da lì le varie supposizioni sui disegni politici che ci possono stare dietro, scusate ma è questo sì inconsistente nella realtà. Siamo semplicemente tanti non possono esistere per tutti lunghe passeggiate in solitario. Se non si capisce è perché non si fa lo sforzo di immaginare le conseguenze non so perché Mi spiace.

Emilio Conte
Emilio Conte
7 mesi fa

Scusa se mi permetto, Manzotti non rappresenta Controradio. La radio da voce a tutti e non porta avanti politiche ‘anti contenimento’. anzi Lo spot principale dell’emittente rispetto al Covid_19 dice di rispettare le indicazioni istituzionali e prepararsi ad una socialità basata sulla conoscenza del ‘rischio biologico’ perché bisognerà conviverci per un bel po’. Il programma di Guarino ‘senza sconti’ è un vero programma di approfondimento perché da voce a tutti dimostrando l’indipendenza della radio.
Grazie

pietro pagano
pietro pagano
7 mesi fa

Con tutto il rispetto per l’intelligenza, la preparazione, il ventennale impressionante curriculum del Filosofo Teoretico Manzotti , trovo le sue posizioni sulle misure di contenimento del contagio da covid19 attuate dal governo italiano PROFONDAMENTE sbagliate, superficiali, non aderenti alla banale realta’ dei fatti quotidiani. Sospetto fortemente che i suoi giudizi appunto ” Teoretici” siano viziati da una profonda appartenenza ideologica . distinti saluti pietro pagano

Ermes
Ermes
7 mesi fa
Reply to  pietro pagano

Affermazioni tossiche e pericolose, soprattutto in relazione al periodo storico che stiamo vivendo. Esprimo il mio totale dissenso! Accetto ciò che mi è stato imposto, per il benessere mio e degli altri e non sento minimamente la mia libertà violata, sebbene questa situazione sia pesante da sopportare. Ma è necessario per il bene comune e va fatto. Se lei avverte questo senso di violazione della propria libertà se lo risolva, ma senza incolpare altri (se non il covid-19).

Nicoletta
Nicoletta
7 mesi fa
Reply to  Ermes

È facilitare gli altruisti col culo al caldo. Qualcuno diceva: panza piena non crede a panza vuota. Vivo in Friuli dove la situazione contagi è quasi pari a zero, dall’11 marzo ho visto scomparire da un giorno all’altro tutto il lavoro ma non l’affitto dello studio, le bollette e neppure i versamenti IVA. Sono una libera professionista e ho anche un’azienda agricola individuale, causa siccità ho passato due giorni a bagnare il futuro (spero) raccolto, da sola, per le normative Covid. Dio cane.

ELENA
ELENA
7 mesi fa
Reply to  pietro pagano

sono completamente d’accordo con te! Anche lo trovo poco aderente alla realtà e anche molto VIOLENTO!