Firenze ricorda i 50 anni della strage di piazza Fontana

piazza Fontana

🔈Firenze, il 7 dicembre, alla Biblioteca delle Oblate, l’intera giornata sarà dedicata al ricordo della bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di  piazza Fontana, che il 12 dicembre 1969 causò 17 morti e 88 feriti.

L’iniziativa di commemorare la strage di piazza Fontana, organizzata da Comune, Anpi, Libertà e Giustizia, Arci, Cgil, Istituto storico toscano della Resistenza, Libera, Anpc e Vignettisti per la costituzione, è stata presentata in Palazzo Vecchio dall’assessore alla cultura Tommaso Sacchi e dalla presidente emerita di Libertà e Giustizia Sandra Bonsanti.

“Il Comune ha aderito in maniera convinta a questo convegno – ha sottolineato Sacchi – perché credo che iniziative di questo genere debbano essere fatte ovunque in Italia e in maniera particolare in quelle città medaglie d’oro della Resistenza e colpite da mafia e terrorismo. La biblioteca delle Oblate, spazio civico per eccellenza e luogo democratico del sapere, del dibattito e della conoscenza, è la sede ideale per ospitare l’evento, per trasmettere fatti di storia soprattutto ai più giovani”.

“Anche oggi che assistiamo a rigurgiti fascisti – ha aggiunto l’assessore alla cultura – dobbiamo riflettere sul fatto che a questi si può e si deve rispondere solo con l’antifascismo militante e dichiarato delle nostre città, che hanno un dovere istituzionale e civico nei confronti della nuove generazioni e la totale adesione ai valori della nostra costituzione”.

Tra i relatori ci saranno, tra gli altri, Paul Ginsborg, presidente di Libertà e Giustizia; Enrico Ricci, avvocato, vicepresidente dell’Anpi; Andrea Bigalli di Libera; Giuseppe Matulli, presidente dell’Istituto storico toscano della Resistenza; lo storico Miguel Gotor; la presidente Arci Francesca Chiavacci; e Giuseppe Nicolosi, magistrato della strage di Via dei Georgofili. L’iniziativa si aprirà alle 10 e si concluderà nel pomeriggio.

Gimmy Tranquillo li ha intervistato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi e dalla presidente emerita di Libertà e Giustizia Sandra Bonsanti:

WIKIBOX: Sandra Bonsanti
Figlia di Alessandro Bonsanti, ex sindaco repubblicano di Firenze, sposata con lo storico, scrittore e senatore repubblicano Giovanni Ferrara, ha tre figlie. Dopo essersi laureata a Firenze, ha vissuto per diversi anni a New York. Ha iniziato la sua attività di giornalista nel 1969 a Il Mondo. Ha poi lavorato a Epoca, Panorama e La Stampa. Nel 1981 è stata assunta da Eugenio Scalfari a ‘La Repubblica’, della quale è stata per anni una delle firme più in vista. Nel 1993 è stata incaricata dall’Ordine dei giornalisti e dalla FNSI di redigere a quattro mani con Angelo Agostini la Carta dei doveri del giornalista. Nel 1994 è stata eletta alla Camera dei deputati per la coalizione dei Progressisti nel collegio uninominale di Firenze 2 con oltre il 53% dei voti. Durante la XII Legislatura è stata membro della commissione parlamentare antimafia.
avatar