Firenze, nuova illuminazione al Varlungo

Varlungo

Arriva la luce nella zona del ponte di Varlungo, a Firenze, in un’area precedentemente priva di illuminazione e che nei mesi scorsi è stata teatro di violenza sessuale, in orario notturno, a danno di donne in transito da sole verso le loro abitazioni.

Per cinque episodi è accusato, ed è finito in carcere, un giovane  che aveva ricavato un nascondiglio nelle vicinanze da cui si muoveva per raggiungere la strada buia e violentare le sue vittime, anche dopo averle picchiate e stordite con pugni.
Adesso, per aumentare la sicurezza delle persone che utilizzano il percorso pedonale lungo la sponda dell’Arno e i passaggi pedonali paralleli al Ponte di Varlungo, la società partecipata Silfi ha realizzato un nuovo impianto di illuminazione composto da 14 punti luce ad alta efficienza energetica, che è stato inaugurato dal sindaco Dario Nardella, dal presidente e dal direttore generale di Silfi, rispettivamente Matteo Casanovi e Manuela Gniuli.

I nuovi lampioni installati e accesi in via della Funga vanno ad aggiungersi, in continuità, all’impianto già esistente in via De André e in via di Varlungo, dando così luce all’area posta a cavallo del Ponte a Varlungo precedentemente priva di illuminazione.
“Con il nuovo impianto la zona diventa più sicura – ha detto il sindaco Dario Nardella -. Rendere questa zona più illuminata era un impegno che avevamo preso pochi mesi fa con una rappresentanza di donne fiorentine firmatarie di un appello a me rivolto. A distanza di poco tempo da quella promessa la nuova illuminazione è stata realizzata e aumenterà non solo la sicurezza dei cittadini, ma comporterà anche meno consumi e inquinamento luminoso rispetto alle vecchie luci arancioni che stiamo sostituendo in tutta la città. La ‘rivoluzione della luce’ in città è in atto e si sta espandendo nelle varie zone. È una delle operazioni in cui siamo impegnati, e su cui crediamo fortemente, per rendere Firenze più vivibile”.

avatar