Aosta: fiorentino pilota elicottero precipitato

Maurizio Scarpelli, 53 anni, era originario di Reggello, in provincia di Firenze. Cordoglio per la sua scomparsa è stato espresso da Cristiano Bellucci, sindaco di Reggello dove Scarpelli era molto conosciuto

Ci sono il pilota dell’elicottero Maurizio Scarpelli, di 53 anni e la guida alpina che lo accompagnava Frank Henssler, di 49 anni, tedesco ma operante in Valle d’Aosta, tra i deceduti dell’incidente aereo di oggi sul ghiacciaio del Rutor in Valle d’Aosta. Le altre tre vittime, non ancora identificate, sono passeggeri dello stesso elicottero.
Sull’altro velivolo, un aereo ultraleggero decollato da Megeve (Francia), si trovavano un istruttore pilota e due allievi.

Il pilota deceduto, Maurizio Scarpelli, 53 anni, era originario di Reggello, in provincia di Firenze. Cordoglio per la sua scomparsa è stato espresso da Cristiano Bellucci, sindaco di Reggello dove Scarpelli era molto conosciuto. Il sindaco ha ricordato la sua grande passione per il volo, e il suo impegno anche nell’antincendio.

“Scarpelli era molto apprezzato in Regione Toscana per la sua attività di pilota, molto amato dai compagni dell’antincendi boschivi e della Protezione civile, dove operava da oltre dieci anni ed era considerato uno dei riferimenti con maggior esperienza. Esprimo il massimo cordoglio mio, della Giunta e dell’intera struttura regionale alla famiglia, agli amici ed ai compagni di Scarpelli per la tragica perdita di una persona di grande valore”. Cosi il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha voluto ricordare l’opera e il valore del pilota di elicotteri toscano rimasto vittima nell’incidente aereo di ieri sul ghiacciaio del Rutor. “Scarpelli è stato tra i protagonisti in positivo dello spegnimento del grande incendio dei monti pisani del settembre scorso – conclude Rossi – a lui ed ai suoi colleghi andrà per sempre la nostra riconoscenza”.

I colleghi dell’antincendi boschivi ricordano Maurizio Scarpelli anche per la preziosa collaborazione da lui offerta nelle attività di formazione e addestramento svolte presso il Centro AIB La Pineta. Scarpelli era molto conosciuto ed amato anche grazie a quelle attività ed ai numerosi incontri tenuti nelle scuole toscane, per spiegare agli studenti i fondamenti delle attività di prevenzione degli incendi.

La Regione Toscana, il Settore Protezione Civile e l’organizzazione AIB, si stringono alla famiglia in questo momento di dolore.

avatar