Estremismo destra: 12 indagati a Siena, nel mirino anche moschea

estremismo destra

Operazione della polizia di Firenze e Siena, coordinata dalla Dda, nei confronti di 12 persone appartenenti agli ambienti dell’estremismo di destra indagati per detenzione abusiva di armi correlata alla costituzione di un’associazione con finalità eversiva. Gli uomini delle Digos, coordinati dalla Polizia di prevenzione, stanno eseguendo numerose perquisizioni a abitazioni e uffici in provincia di Siena.

L’indagine sugli ambienti dell’estremismo di destra in provincia di Siena, che vede 12 indagati “per detenzione abusiva di armi correlata alla costituzione di un’associazione con finalità eversiva”, è partita da un monitoraggio dei social network sui messaggi di istigazione all’odio razziale e di apologia del fascismo. A far scattare l’inchiesta coordinata dalla Dda di Firenze e condotta dalla Digos fiorentina sono state le immagini pubblicate su Facebook da un nostalgico del fascismo e del nazismo, che divulgava foto e scritte inneggianti le Ss, Adolf Hitler e Benito Mussolini. Si tratta di un senese di 60 anni, dipendente della Banca Monte dei Paschi, che lavora nella sede centrale di Siena. Sul suo profilo Facebook le foto ritraevano il 60enne indossare una mimetica delle Ss a bordo di un sidecar militare. In altre immagini l’uomo compare a Dongo, dove venne catturato Mussolini nell’aprile 1945, intento a fare il saluto romano e mentre mima con le mani il gesto di sparare a un cartello dell Anpi, l’associazione nazionale dei partigiani.
C’era anche la moschea di Colle Val d’Elsa (Siena) nel mirino dei 12 estremisti di destra indagati dalla Dda di Firenze. Da alcune conversazioni intercettate, sarebbe emersa l’intenzione di far saltare il luogo di culto sabotando una condotta delle tubature del gas emerge. Il tentativo di “far saltare” la moschea non venne portato a termine perchè il 60enne di Siena, al centro dell’inchiesta, sarebbe stato contattato dalla polizia che aveva notato strani movimenti vicino all’edificio di Colle Val d’Elsa. “Noi, come ci si move, noi siamo no guardati a vista… di piu’ !”, si lamentavano gli indagati nelle intercettazioni.
La Digos ha recuperato anche foto in cui il 60enne impugna un lanciarazzi e un album accompagnato dalla musica dell’inno ufficiale del partito nazista. Sempre da un profilo Facebook a lui riferibile, il 60enne si qualificava come segretario della federazione di Siena del ‘Movimento Idea Sociale’. Tra i 12 indagati ci sono anche due familiari del 60enne, la moglie e il figlio. Sul profilo social della donna, 52 anni, sono state pubblicate foto del marito davanti alla tomba di Mussolini a Predappio. Indagato e perquisito anche il figlio 22enne della coppia. I tre risiedono in provincia di Siena.
“Al momento non abbiamo riscontri di correlazioni con formazioni politiche di estrema destra già esistenti”. Così il procuratore capo di Firenze e della Dda Giuseppe Creazzo, in merito alle perquisizioni che sarebbero ha aggiunto – è il primo atto di un’inchiesta da sviluppare”.
Durante le perquisizioni sono intervenuti anche gli artificieri poiché sarebbe stato trovato esplosivo in una dei luoghi visitati dagli investigatori della polizia. Nelle perquisizioni sono stati sequestrati dalla polizia ordigni bellici della Seconda Guerra Mondiale, polvere da sparo, tritolo e silenziatori per armi costruiti artigianalmente. Secondo quanto appreso, nel garage del 60enne, sarebbero state trovate bottiglie riempite con polvere da sparo ricavata svuotando alcune bombe risalenti all’ultima guerra, trovate dall’uomo e dal figlio grazie all’uso di un metal detector.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments