Brunori, Commisso, Boateng e Sello Hatang, ricordano Mandela

?Firenze, il presidente della Nelson Mandela Foundation Sello Hatang ed il cantautore Dario Brunori hanno ricordato Nelson Mandela, nel sesto anniversario della scomparsa, proprio davanti al Nelson Mandela Forum dove c’è la ricostruzione, in dimensioni reali, 2,3 metri larga e 2,59 metri lunga, della cella dove Mandela ha trascorso 18 dei suoi 27 anni di prigionia nel carcere di Robben Island in Sudafrica.

Alla cerimonia, durante la quale Brunori ha cantato il suo brano “L’uomo nero”, con cui il cantautore vuole farci ricordare il ritorno di una nefasta cultura della sopraffazione, erano presenti anche il Presidente di ACF Fiorentina, Rocco Commisso, l’attaccante viola Kevin Prince Boateng e naturalmente Massimo Gramigni, presidente del Mandela Forum ed organizzatore di una serie di eventi atti a ricordare e celebrare la figura di Nelson Mandela.

Nei prossimi giorni Sello Hatang presenzierà altri eventi: martedì 10 parteciperà al Meeting dei diritti umani, mentre venerdì 13 dicembre sarà in piazza Dalmazia, dove nel 2011 l’estremista di destra Gianluca Casseri uccise i senegalesi Samb Modou e Diop Mor.

In una breve intervista il Presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha ribadito il suo impegno a cercare di eliminare episodi di razzismo dagli stadi dove si disputano le partite di calcio, “Alla Columbia University, dove giocavo io – ha detto Commisso – noi avevamo giocatori di ogni nazione, quattro erano africani o dei Caraibi, io ero il loro capitano, nessuno mi toccava questi giocatori, perché eravamo tutti uguali. La differenza di colore non faceva parte del calcio e non dovrebbe mai fare parte qui in Italia”.

“Sono orgoglioso e onorato di essere qua, a rappresentare la Fiorentina e me stesso e anche questa lotta che dobbiamo continuare a combattere insieme” ha detto Boateng sempre riferendosi alla piaga del razzismo sugli spalti degli stadi durante le partite di calcio.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Dario Brunori e Rocco Commisso:

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments