“Artigianato. Maneggiare con cura”, manifestazione ai Ciompi

artigianato
@Controradio

Firenze, le imprese dell’artigianato artistico, un esercito che in Toscana conta 20mila imprese (circa 5mila nella Città Metropolitana di Firenze) e 107mila addetti, attivi in 13 settori produttivi diversi dalla ceramica all’oreficeria, dalla falegnameria ai designer passando per argentieri, bronzisti, mosaicisti, restauratori, vetrai, pellettieri, sarti, sono scese in piazza dei Ciompi.

Le imprese dell’artigianato hanno manifestato sotto lo striscione del Confederazione Nazionale Artigianato (CNA), per richiedere attenzione e sostegno dell’opinione pubblica, del Sindaco di Firenze, Dario Nardella e del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, sia direttamente in quanto rappresentati di enti locali, sia come tramite verso il Governo Draghi.

@Controradio

Gimmy Tranquillo ha intervistato il presidente della CNA, Giacomo Cioni.

Presidente perché questa manifestazione?

“Oggi il CNA è in piazza con i suoi artigiani, ed in particolare gli Artigiani dell’artigianato artistico Siamo, per ricordare che questo comparto, importantissimo fiore all’occhiello dell’artigianalità Toscana e specialmente Fiorentina, è stato dimenticato da quelle misure di ristori che hanno interessato altri settori. Noi qui abbiamo ceramisti, abbiamo laboratori del legno, abbiamo bronzini, argentieri pellettieri tutti quegli artigiani che sono veramente il fiore all’occhiello della conoscenza artigiana ed hanno un ruolo importante nella trasmissione del sapere”.

“Da 11 mesi purtroppo sono chiusi all’interno delle loro botteghe forse non chiusi per codice ateco, ma che non riescono a trovare un momento di vendita ed effettivamente il loro calo di fatturato ha raggiunto anche il 70%”.

Presidente ma fin qui da tutti i vari decreti Ristori è arrivato qualcosa?

“No non è arrivato praticamente niente,  salvo il famoso bonus di 600 euro di aprile/maggio. Invece noi chiediamo a gran voce di prendere in considerazione la vera perdita di fatturato riscontrabile è confutabile e da lì determinare gli aiuti per ogni singola posizione non può essere una misura che valga per tutti deve essere un vestito su misura in base alla perdita di fatturato causa covid-19”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments