Vigili del Fuoco della Toscana a Catania per terremoto

Catania
Foto di repertorio

Firenze, il personale della Co.Em. (Comunicazione in Emergenza) dei Vigili del Fuoco della Toscana si sta dirigendo sui luoghi interessati dal terremoto che ha colpito la provincia di Catania nelle ultime ore.

Alle 3:19 della scorsa notte, un terremoto di magnitudo 4.8 avveuto ad una profondità di solo un chilometro ha colpito la provincia di Catania.

Vengono segnalati feriti, crolli e danni, gente in strada e tanta paura per quella che è stata la scossa sull’Etna più intensa da quando il vulcano ha ripreso la sua attività eruttiva tre giorni fa.

La scossa di stamane era stata preceduta da uno sciame sismico iniziato verso mezzanotte, una sismicità che secondo il direttore dell’Ingv di Catania, Eugenio Privitera “non lascia tranquilli” e che ricorda “quella dell’ottobre del 1984 che provocò un morto a Zafferana Etnea, è sempre la faglia di Fiandaca, che quando si muove è pericolosa”.

Ventotto le persone che hanno fatto ricorso alle cure mediche: dieci soccorse dalle ambulanze, 18 si sono recati negli ospedali.

Il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha convocato il Comitato operativo e fatto un sopralluogo nella zona interessata dal sisma. Poi un vertice in prefettura a Catania con il sindaco e i primi cittadini dei comuni interessati.

avatar