Torre del Lago (LU), cadavere donna in roulotte: c’è inchiesta per occultamento

Indagini di procura di Lucca e carabinieri per occultamento di cadavere sono in pieno corso in Versilia, a Torre del Lago (Lucca), dopo il ritrovamento di un cadavere di donna, in avanzato stato di decomposizione, dentro una roulotte in un terreno di aperta campagna.

Tra gli indizi su cui si sta appuntando l’attenzione degli investigatori c’è che la roulotte, situata a Torre del Lago,  era stata chiusa dall’esterno con un lucchetto. Il cadavere è di una donna di carnagione bianca ed è stato trovato steso su un telo di plastica con una coperta sopra.
“Per adesso di certo c’è il reato di occultamento di cadavere – spiega il capitano Edoardo Cetola, comandante della compagnia di Viareggio – perché da sola la persona non può esserci entrata visto che la roulotte era chiusa. Una volta effettuata l’autopsia si vedrà di identificare il cadavere e verificare se si tratta di qualche scomparsa di cui ci sia una denuncia. Si vedrà se ci sono ferite sul corpo e in quel caso avere la certezza che si tratta di un omicidio”.
L’inchiesta affronta già scenari suggestivi. Gli investigatori hanno già notato che non molto lontano da dove è stato trovato questo cadavere, nel 2010, in un altro campo, che fu definito degli orrori, dove vivevano in condizioni di marginalità, tra una baracca e una roulotte, ci fu la sparizione (così anche per la Corte di Cassazione) di Velia Carmazzi e Maddalena Semeraro, madre e figlia mai ritrovate i cui corpi sono stati bruciati come secondo le motivazioni della sentenza che ha condannato Massimo Remorini 61 anni, e Maria Casentini, 58 anni, rispettivamente a 38 anni e a 16 anni di carcere.

0 0 votes
Article Rating
guest
1 Comment
vecchi
nuovi i più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Antonella
Antonella
6 mesi fa

Come al solito é facile fantasticare e fare allusione ai fatti che neanche conoscete. Imparare a fare i giornalisti e rispettare la deontologia del vostro mestiere