Terrorismo: espulso cittadino albanese residente a Grosseto

sollicciano

Con un provvedimento firmato dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, è stata eseguita l’espulsione di un cittadino albanese dal territorio nazionale per motivi di sicurezza dello Stato. Lo rende noto il Viminale.

Con questa espulsione, la 44/a del 2018, sono 281 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi, con accompagnamento nel proprio Paese, dall’1 gennaio 2015 a oggi. Si tratta di un 42enne albanese, regolarmente residente in provincia di Grosseto, già condannato nel febbraio del 2016 alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione per partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo internazionale, per aver promosso ed agevolato, insieme alla sorella, la partenza verso il teatro siro-iracheno della foreign fighter italiana Maria Giulia Sergio e del marito, con i quali condivideva l’ideologia jihadista del sedicente stato islamico.

Le successive indagini delle Forze di Polizia, ricorda il Ministero dell’Interno, hanno evidenziato sia i suoi stretti contatti con un estremista macedone espulso nel novembre del 2015 per motivi di sicurezza dello Stato, e sia come avesse ospitato, nel 2014 presso la propria abitazione, un connazionale successivamente deceduto in Siria mentre combatteva per il Daesh. Per questi motivi, il ministro ha firmato il decreto di espulsione per motivi di sicurezza dello Stato per l’uomo che è stato rimpatriato, con accompagnamento nel suo Paese, con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma-Fiumicino con destinazione Tirana.

Note successive hanno rivelato che Il 42enne albanese espulso dall’Italia è Baki Kocu, bracciante agricolo, zio del marito della ‘foreign fighter’ italiana Maria Giulia Sergio, nome di battaglia ‘Fatima’. L’uomo, di fede islamica, ma integralista, nel 2015 fu arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Dda di Milano nell’ambito dell’operazione ‘Martesa’ come fiancheggiatore di una cellula eversiva dedita all’ indottrinamento ed al reclutamento di terroristi da inviare negli scenari mediorientali.
Secondo la Digos di Grosseto, dalle ultime attività di monitoraggio si stava manifestando un fondato pericolo che l’uomo potesse ripetere le stesse condotte di qualche anno fa: pertanto è stato deciso di avanzare la proposta di espulsione dal territorio nazionale. Il 42enne, la notte di martedì, è stato condotto a bordo di un aereo in Albania e lì consegnato alle autorità locali.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments