Strage Viareggio: sentenza corte d’appello prevista per 20 giugno

strage viareggio

La corte di appello di Firenze ha comunicato alle parti del processo sulla strage ferroviaria di Viareggio che la prossima udienza, con camera di consiglio e sentenza, è prevista per il prossimo 20 giugno.

Lo ha indicato il presidente Paola Masi al termine dell’udienza odierna nel pomeriggio, sullla strage di Viareggio dopo che si sono concluse le repliche dei difensori.
La sentenza di appello, quindi, sarà pronunciata a pochi giorni dal decennale del disastro ferroviario in cui il 29 giugno 2009 morirono 32 persone per il deragliamento di un treno merci e la conseguente esplosione di un vagone cisterna con gpl nel centro abitato di Viareggio, a poca distanza dalle case.

“E’ sbagliato paragonare le responsabilità del comandante della Costa Concordia Francesco Schettino nel naufragio dell’isola del Giglio (Grosseto) del 13 gennaio 2012, e le imputazioni a carico dei dirigenti delle imprese ferroviarie tedesche, che affittavano i loro carri merci in Italia, al processo di appello sulla strage di Viareggio in corso a Firenze.” E’ quanto hanno sostenuto le difese dei manager tedeschi e delle aziende ferroviarie tedesche e austriache. Gli avvocati nelle repliche hanno voluto ribattere anche su questo punto al pg Luciana Piras. “I dirigenti tedeschi – hanno detto in buona sostanza gli avvocati difensori – non sono Schettino, semmai sono come i dirigenti di Costa Crociere, di cui però in tutto il procedimento è stata esclusa la loro responsabilità nel naufragio” da addebitare esclusivamente al comandante della nave.

 

avatar