🎧 Sicurezza Lavoro, Approvata Risoluzione all’unanimità in Consiglio regionale

bugetti sicurezza
🎧 Sicurezza Lavoro, Approvata Risoluzione all’unanimità in Consiglio regionale






/

Bugetti (Pd): “Impegni concreti sulla sicurezza, riprendere gli interventi formativi nelle aziende, non abbassare la guardia”

«Questa proposta nasce immediatamente dopo il tragico evento della morte di Luana a Montemurlo. Voglio ricordare che la Regione in questi ultimi anni ha messo in campo molteplici azioni sulla sicurezza sul lavoro, in particolare per alcuni comparti produttivi con maggior rischio di incidenti: il tessile, le cave, i porti, la filiera agricola. Dopo l’incendio all’azienda pratese “Teresa moda” fu varato il progetto Lavoro Sicuro, che poi vide un’evoluzione significativa diventando una vera e propria legge. Grazie a Lavoro Sicuro abbiamo registrato controlli in oltre 8mila aziende, controlli che hanno messo in evidenza, tra le altre cose, una tendenza positiva delle aziende a mettersi in regola. Nel novembre 2019, poi, proprio per agire più efficacemente sul fronte della prevenzione degli infortuni, la giunta decise di mettere in campo oltre ai controlli anche interventi di formazione mirati, interventi che si sono interrotti a causa delle chiusure dovute alla pandemia e che chiediamo vengano ripresi quanto prima. Sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro bisogna continuare ad insistere, mai abbassando la guardia, con attenzione alle lavorazioni più a rischio, come quella del comparto tessile, attraverso le armi della formazione e dei controlli».

Lo ha detto Ilaria Bugetti (PD), presidente della commissione Sviluppo economico e rurale, presentando in aula la risoluzione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento al comparto tessile, di cui era prima firmataria e che è stata sottoscritta anche dal presidente della commissione Sanità Enrico Sostegni e altri consiglieri Dem. La risoluzione è stata approvata all’unanimità.

Il documento prevede alcuni impegni per la giunta regionale in materia di sicurezza, , in particolare “proseguire con l’attuazione delle azioni in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro con particolare riferimento al comparto tessile, a partire dagli strumenti previsti dalla citata l.r. 28/2019, affinchĂ©: si continui anche per le future annualitĂ , implementandola ove necessario, con l’esperienza del citato “Piano straordinario di intervento in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro” sia per quanto concerne le aziende straniere che italiane, operanti sul territorio toscano; vengano ripresi quanto prima gli interventi formativi per le imprese previsti nei mesi scorsi e interrotti dalla pandemia Covid-19, a cura dell’Azienda USL Toscana Centro attraverso SAFE, il Polo formativo regionale per la sicurezza, e in accordo con le parti sociali e datoriali”. Inoltre “prevedere anche nel prossimo Programma Regionale di Sviluppo 2021-2025 adeguate azioni volte a dare continuitĂ  e rafforzare le iniziative sin qui intraprese sul tema della sicurezza del lavoro, della diffusione della buona occupazione e per la formazione dei lavoratori su tali aspetti”.

La risoluzione impegna anche lo stesso Consiglio, tramite le commissioni consiliari competenti, “a valutare, di concerto con la giunta regionale e assieme alle rappresentanze economiche e sociali, quali azoni possono essere intraprese – anche mediante un intervento modificativo della citata l.r. 28/2019 – per implementare gli strumenti utili al contrasto dell’illegalitĂ  in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, con particolare riferimento al rafforzamento di tutte quelle opportunitĂ  di collaborazione con le imprese toscane al fine di individuare, promuovere e sviluppare buone pratiche sulla tematica in oggetto”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments