Dom 25 Feb 2024

HomeToscanaCovid-19Seconda casa in Toscana: ordinanza anti Covid valida fino a 11 aprile

Seconda casa in Toscana: ordinanza anti Covid valida fino a 11 aprile

“Oggi firmero’ l’ordinanza per le seconde case. Ho riflettuto molto visto che la prima era stata sospesa dal Tar, e quindi la caratteristica dell’ordinanza non sara’ impostata su una durata indeterminata.

Questa volta sara’ un’ordinanza per un periodo localizzato, ovvero da qui all’11 di aprile, proprio il periodo prossimo alle vacanze di Pasqua ed immediatamente successivo”. Lo ha detto il presidente della regione Toscana Eugenio Giani a margine di una conferenza stampa svoltasi quest’oggi a Palazzo Sacrati Strozzi a Firenze.

Giani ha anticipato il contenuto di un’ordinanza che verra’ da lui firmata e che impedira’ l’utilizzo delle cosiddette seconde case per chi arriva da fuori la regione Toscana fino al prossimo 11 aprile. “Con molta trasparenza faremo presente che l’aumento della densita’ della popolazione nelle localita’ dove si concentrano molte seconde case, in una situazione quale e’ quella della Toscana di oggi, e’ inopportuno. Mi auguro che il provvedimento possa avere gli effetti che ci proponiamo proprio sulla pandemia”.

“I dati della Toscana, con 246 contagiati per 100mila abitanti, sono ai limiti della zona rossa, ma ci permettono di rimanere un’altra settimana in zona arancione”, ma “la più bella notizia di stamani sono i 30 ricoveri in letti Covid in meno e le sei terapie intensive in meno”. Ha ribadito il presidente per fare il punto sulle ordinanze che istituiscono zone rosse locali.

In particolare, Giani ha confermato che restano in zona rossa le province di Prato, Pistoia e Arezzo, “anche se i dati migliorano”, a cui si aggiungono altre tre aree: i 7 comuni della Versilia in provincia di Lucca; Grosseto e 6 comuni della sua provincia; l’area sociosanitaria del Valdarno inferiore e dell’ Empolese Valdelsa; comune di Barberino Tavarnelle (Firenze).

Rock Contest 2023 | La Finale

"Prenditi cura di me"

UNA VITA TRA DUE RIVOLUZIONI.