Gio 30 Mag 2024

HomeToscanaCronacaRegione Toscana: costituita commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti

Regione Toscana: costituita commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti

E’ stata formalizzata oggi la costituzione di una commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti in Consiglio regionale della Toscana. La commissione si riunirà per la prima volta la prossima settimana per la nomina dei vertici e dei commissari.

A darne notizia Giacomo Giannarelli, presidente del gruppo M5s. La commissione d’inchiesta era stata richiesta proprio dal gruppo M5s con il sostegno degli altri gruppi di opposizione. Nel corso dei lavori, ha spiegato Giannarelli che dovrebbe presiedere la commissione, “tratteremo tutto il ciclo dei rifiuti, anche quelli ospedalieri. Ascolteremo enti e sindaci tra i quali ci sarà il sindaco di Livorno Filippo Nogarin che sul tema dei rifiuti ha molto da dire. In Toscana – ha concluso – abbiamo bisogno di rivedere complessivamente il sistema degli Ato”.

L’ambito territoriale ottimale (Ato) per il servizio di gestione dei rifiuti viene introdotto con l’articolo 23 del D.Lgs 22/97, il cosiddetto decreto Ronchi. Introduce le Autorità d’ambito, che agiscono sugli ATO e sono destinatari di alcune prerogative precedentemente affidate alle regioni e alle province in merito di gestione dei rifiuti. Agli ATO si applicano i principi di autosufficienza dello smaltimento e di prossimità dello smaltimento, ovvero la riduzione della movimentazione di rifiuti. In breve, ispirandosi a quanto era già avvenuto per il servizio idrico, si creano delle dimensioni gestionali per la gestione integrata dei rifiuti che travalicano i confini comunali per raggiungere “adeguate dimensioni gestionali” di fatto inter provinciali.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)