Presidio in strada contro taglio pini via Aretina a Firenze

presidio
Foto dalla raccolta fondi del Comitato

Il Comitato Amici degli Alberi del Quartiere 2 è sceso nuovamente in strada per protestare contro l’abbattimento di tutti i pini superstiti di via Aretina a Firenze: un’operazione, sostengono, non supportata da analisi e prove strumentali dato che gli stessi alberi, solo tre anni fa erano stati considerato sani dalle perizie tecniche allora svolte.

L’abbattimento dei pini di via Aretina non ha convinto nemmeno alcuni consiglieri comunali che su sollecitazione dei cittadini hanno fatto una richiesta di accesso agli atti.

La mattina del 14 gennaio 2021 alcuni residenti di Via Aretina a Firenze insieme a componenti di comitati, associazioni e gruppi che si interessano al verde pubblico della città, hanno presidiato il luogo di abbattimento dei pini.

“Mezza alberata di pini domestici, Pinis pinea, è stata abbattuta senza che la popolazione ne fosse informata. La segnaletica non è stata apposta 5 giorni prima, come di regola, e riporta la sola dicitura: “Lavori di manutenzione alle alberature”. A nostro parere il cantiere non era transennato a norma per impedire il passaggio e la sicurezza delle persone- questo quanto si legge nella richiesta di raccolta fondi del Comitato che ha annunciato che “come cittadini residenti metteremo in atto tutto ciò che democraticamente e costituzionalmente è possibile attivare per impedire la desertificazione massiva dei restanti 16 pini rimasti nel percorso, reclamando adeguata informazione pubblica tramite assemblea di quartiere sugli abbattimenti che si intendono effettuare nel quartiere 2, chiedendo l’interessamento dei consiglieri di quartiere e dei consiglieri comunali, utilizzando l’accesso agli atti tramite Legge 241/90 e chiedendo che la segnaletica dei lavori debba essere apposta almeno 5 giorni prima, dove si possa  evincere se verranno effettuati  lavori di abbattimento. Verranno a tal scopo costituiti gruppi e comitati del verde pubblico su obiettivi specifici e finalità ambientali. Riteniamo la desertificazione di un intero percorso pedonale un gravissimo danno alla collettività e alla popolazione residente che si quantifica in danni alla qualità del microclima della zona, in perdita di ombreggiamento e mitigazione climatica”, dirmato  Presidio residenti di Via Aretina del 14 gennaio 2021 di cui fa parte Fabrizia (Ascolta l’intervista).

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments