Prato, Biffoni accusa Bugetti e genitori su richiesta di fare uscire i bambini. La replica “Vogliamo risposte chiare”

bambini

“Trovo allucinante che in piena emergenza Coronavirus qualcuno faccia uscite senza essere informato, altri paragonino i propri bambini a un cane che ovviamente esce per fare i bisogni non sapendo usare il bagno. Certe dichiarazioni le trovo irrispettose per tutta quella grandissima maggioranza di famiglie che hanno a cuore solo una cosa: la salute dei propri figli e dell’intera comunità”. Il sindaco Matteo Biffoni replica a chi lamenta mancanza di indicazioni chiare  per le uscite dei bambini e chiede la possibilità di fare uscire, almeno per mezzora al giorno, ragazzi autistici, disabili psichici in genere.

I proponenti della mail appello #Andràtuttobene? Il diritto di bambine e bambini ad uscire diffusa questa mattina e indirizzata al primo cittadino di Prato, rispondono a  Biffoni tornando a chiedere di fare chiarezza: “Sancisca un principio per le brevi e solitarie uscite dei minori, questo le è stato chiesto, lo comunichi in maniera chiara, perché nessuno le ha mai chiesto di riaprire i parchi”. A sostegno delle richieste dei genitori questa mattina si era espressa anche  la consigliera regionale pratese (PD) Ilaria Bugetti, portando le loro istanze all’attenzione dell’assessora regionale Saccardi.

Di seguito la replica dei professori Luca Bravi e Silvia Giagnoni, proponenti dell’appello #dallapartedeibambini2020

Caro sindaco,

L’atteggiamento paternalistico che ha assunto nella risposta alla lettera non le rende merito. “Arrabbiarsi” non è tra le risposte previste, né dall’una né dall’altra parte.

Ad oggi, in assenza d’indicazioni specifiche sulle uscite dei minori, c’è un potere aleatorio in mano a chi controlla sulla possibilità di uscire con il proprio figlio. È consentito o non è consentito? Il sindaco Nardella ha risposto proprio oggi dando indicazioni precise e dicendo “è consentito con accorgimenti di buon senso”.

Le chiediamo di rispondere oppure d’indicare se per i minori il decreto va interpretato come la serrata totale di un mese, due mesi, tre mesi (nessuno di noi sa quanto durerà), serrata che sarebbe totale solo e soltanto per i minori. È un problema che esiste: se si esce 5 minuti con il proprio figlio, succede che qualcuno pensa che tu stia infrangendo regole, persone segnalano, altri urlano, altri fotografano, perché questo è il clima adesso. Non più tardi di ieri è toccato ad un ragazzo con disabilità ed alla sua famiglia subire la gogna dei social perché si era affacciato sulla piazza. Qualcosa non va e ci va posto rimedio.

Il decreto soffre di mancanza di chiarezza e non si può scaricare sulla cittadinanza o sulle famiglie questa mancanza. Sancisca un principio per le brevi e solitarie uscite dei minori, questo le è stato chiesto, lo comunichi in maniera chiara, perché nessuno le ha mai chiesto di riaprire i parchi (la lettera era chiara su questo punto), né ha denigrato il lavoro di enti legati all’infanzia in città, come Lazzerini, Scuola di Musica, Cgfs.

Lo faccia senza arrabbiarsi, senza suscitare clamore mediatico, lo faccia però anche senza banalizzare o stravolgere il senso di temi importanti ed alla base della cittadinanza in crescita.

avatar
2 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
MANETTI MassimoGiovaLeonardoCristian Ventisette Recent comment authors
nuovi vecchi i più votati
Cristian Ventisette
Ospite
Cristian Ventisette

Il sindaco è una testa di legno, becero, che segue un pensiero comune come fa un ignorante, senza capirlo realmente. Qualcuno deve avergli detto che portare un bambino, magari autistico, fuori per mezz’ora, da solo, è una calamità nazionale. Sarebbe bastato un minimo di raziocinio per capire che invece la richiesta è ragionevole. L’ha capito persino Nardella…

Giova
Ospite
Giova

Ma quale testa di legno! Ha ragione alla grande! Bisogna stare a casa. Punto

Leonardo
Ospite
Leonardo

A Montevarchi due bambine sono rimaste sole. Purtroppo, mi dispiace dirlo, ma ancora una volta si pensa che le cose tocchino sempre gli altri. Buona domenica, io festeggio il compleanno della grande ( 6 anni) sul balcone.

MANETTI Massimo
Ospite
MANETTI Massimo

In questo caso sono d’accordo col Sindaco Biffoni non abbassiamo la guardia,responsabilità da parte di tutti.Daccordo fate uscire gli autistici acconpagnati.Col codiv 19 non scherziamo e non prendiamolo alla leggera,scoccia a tutti stare in gabbia ma meglio in gabbia per un periodo che malati per sempre.