Pisa, la Polizia Municipale si dota di unità cinofile

municipale

Nell’ambito delle azioni per la sicurezza, la Polizia Municipale si doterà di due unità cinofile per il potenziamento dei servizi di controllo finalizzati alla prevenzione nella lotta allo spaccio di droga nella città di Pisa.

A deciderlo è stata la Giunta comunale con una delibera promossa dall’assessore Bonanno che ha dato mandato alla Polizia Municipale di attivare le azioni necessarie per la costituzione del reparto cinofilo con cani antidroga e almeno due agenti.

«Si tratta di un nuovo servizio, da me ideato e fortemente voluto, per contrastare l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti e garantire maggiore sicurezza in città – dichiara l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno -. Senza dubbio il servizio reso dai cani antidroga per tale obiettivo è ormai unanimemente riconosciuto, visto che è in uso da molte Forze di Polizia e, dunque, è sembrato importante anche per la Polizia Municipale  assicurare detta dotazione. In Toscana – prosegue l’assessore – siamo il secondo Comune, e di questo vado molto orgogliosa, ad aver istituito tale servizio per la lotta preventiva e repressiva allo spaccio di sostanze stupefacenti, fenomeno che è senz’altro alla base di molti altri fatti criminosi nella nostra città, in particolare nella zona della Stazione».

L’entrata in regime del progetto, il cui costo complessivo è 89mila euro, è prevista per l’inizio del 2020; in esso sono compresi l’acquisto e la formazione di due cani per la ricerca di sostanze stupefacenti in vari scenari operativi tra cui luoghi pubblici, locali interni su persone e veicoli, l’acquisto di un automezzo allestito, di attività per la esercitazione, la formazione specialistica presso la Scuola Interregionale di Polizia Locale di almeno due operatori di Polizia Municipale, disponibili e motivati al nuovo servizio, che saranno pertanto dedicati a questa attività in via esclusiva.

avatar