Lun 27 Mag 2024

HomeToscanaPoliticaPace: Cittadella Rondine illustra suo metodo all'Onu

Pace: Cittadella Rondine illustra suo metodo all’Onu

Rondine parla al Palazzo di Vetro ai 193 rappresentanti degli Stati Membri dell’Onu “portando il suo metodo e la concretezza del vissuto dei giovani nemici provenienti da luoghi di guerra che ogni giorno lo vivono trasformando l’odio in dialogo e aprendo nuove strade per un futuro di pace.

Alle  Nazioni Unite per una missione negli Usa che vuol promuovere un nuovo impegno tra gli Stati membri dell’Onu e diffondere il proprio Metodo  nel mondo accademico e nella società civile. E  l’impegno che attende Rondine, la Cittadella della Pace in provincia di Arezzo.

L’evento, alle ore 17 ora italiana, è promosso – spiega una nota diffusa da Rondine (Arezzo) insieme alle Rappresentanze Permanenti di Italia, Costa Rica e Monaco e Unaoc alla presenza del sottosegretario delle Nazioni Unite, Miguel Angel Moratinos. Anche il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli è insieme a Rondine per portare il supporto della città.

“Se la guerra è una scelta, lo può essere anche la pace” è il messaggio che gli studenti internazionali della Cittadella della Pace porteranno alle Nazioni Unite a New York. Rondine parla al Palazzo di Vetro ai 193 rappresentanti degli Stati Membri dell’Onu “portando il suo metodo e la concretezza del vissuto dei giovani nemici provenienti da luoghi di guerra che ogni giorno lo vivono trasformando l’odio in dialogo e aprendo nuove strade per un futuro di pace. Un messaggio che sarà rivolto non solo alla politica e alla diplomazia internazionale ma anche alla società civile e al mondo accademico attraverso una serie di incontri ed eventi da New York a Washington”.

Tra le iniziative illustrate all’Onu i campi della pace, la costruzione della pace e delle relazioni internazionali, come raccomandato dal Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres nel suo recente briefing “Agenda per la pace” e verso il vertice del 2024 “Summit del futuro”.

I giovani di Rondine faranno la richiesta per un nuovo impegno collettivo rinnovando l’appello della campagna “Leaders for Peace” in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile e la Risoluzione 2250 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su giovani, pace e sicurezza. La richiesta agli Stati Membri di investire maggiormente nell’educazione alla pace, anche inserendo strutturalmente l’insegnamento dei Diritti Umani nei sistemi educativi nazionali, e destinando una cifra simbolica dai loro bilanci a borse di studio per giovani brillanti leader di pace.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)