Lora and The Stalkers ascolta l’intervista

Lora and The Stalkers ascolta l’intervista






/

Lora and The Stalkers, la band romana ci racconta il nuovo disco “No desire control”, uscito lo scorso 17 settembre su Blind Faith records. Tra wall of sound e dream-pop. L’intervista a cura di Giustina Terenzi

Registrate da Luca Sapio a Roma ai Blind Faith Studios, i brani di No Desire Control parlano di desiderio, passione, fantasia e riscatto, un universo emotivo che tocca le coscienze di tutti, tra reminiscenze del passato e speranze nel futuro. La musica di Lora and The Stalkers è un atto d’amore verso il rock viscerale ed energico, tra il post-punk di Manchester, le armonie californiane Anni ’50 e ’60 e la scena romana, con rimandi a visioni estatiche tipiche della scena dream pop contemporanea. Da Phil Spector ai Chromatics con Norman Petty e Dick Dale nel cuore.

Lora and The Stalkers nascono nel 2016 dalla cantante e musicista Lora Ferrarotto e dal polistrumentista e compositore Alex Meozzi, attivo anche nella resident band del programma tv Stracult. Due anni dopo debuttano con un disco autoprodotto e l’anno scorso entrano nel roster della Bilnd Faith, la label romana  che ha già nel roster la leggendaria Marta High, la leggendaria diva soul/funk e vocalist di James Brown, il pluripremiato Sugaray Rayford, il polistrumentista maliano Baba Sissoko e il bassista jazz Pierpaolo Ranieri.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments