“Karenina & I” l’avventura di teatro, cinema, letteratura e vita, approda a Firenze

“Karenina & I” l’avventura di teatro, cinema, letteratura e vita, approda a Firenze. Il documentario il 16 maggio alle 21 al Cinema Odeon di Firenze

Dopo il grande successo ottenuto con il tour promozionale nei teatri – Argentina di Roma, Franco Parenti di Milano e Mercadante di Napoli – dove ha registrato il sold out, il film “Karenina & I”, diretto da Tommaso Mottola, interpretato dall’attrice Gørild Mauseth – una leggenda del cinema nordico – e impreziosito dalla voce narrante della star internazionale Liam Neeson e da un cameo dell’attrice italiana Sonia Bergamasco arriva al cinema a Firenze distribuito da Lo Scrittoio.

Sonia Bergamasco, interprete dello spettacolo teatrale “Anna Karenina. Prove aperte di infelicità” per la regia di Giuseppe Bertolucci con cui ha calcato le scene per vari anni sia in Italia che in Russia, e per cui è stata insignita di numerosi premi per la sua magnifica interpretazione, presenterà in sala il documentario “Karenina & I” insieme al regista Tommaso Mottola e all’attrice Gørild Mauseth.

Il film, già definito dalla critica “un capolavoro atipico” proprio per la sua natura ibrida che mescola più arti come la letteratura, il cinema e il teatro, sarà proiettato al Cinema Odeon di Firenze (Piazza degli Strozzi 2) giovedì 16 maggio alle ore 21.00.

Il documentario racconta la sfida umana e professionale dell’attrice Gørild Mauseth che intraprende un’estenuante viaggio in treno – dalle coste Artiche della Norvegia fino ad un Teatro di Vladivostok – per interpretare Anna Karenina in Russo, una lingua che non ha mai parlato in vita sua.  Nato grazie ad una campagna record di crowdfunding tra Italia, Norvegia e Russia, arriva al pubblico italiano dopo aver incantato le platee internazionali dei festival negli ultimi due anni (tra gli altri, Festival Cinematografico Internazionale di Mosca, Biografilm Festival, finalista come miglior documentario all’European Film Award, in cinquina ai Nastri d’Argento e a Camerimage, vincitore del Master of Art Film Festival). I suoi primi passi in Italia non potevano che essere mossi nei teatri, in un doveroso tributo al palcoscenico, ma anche nella consapevolezza che l’ibridazione tra cinema e teatro è una delle principali caratteristiche di questo progetto, una vera e propria sfida cinematografica fuori dagli schemi

Biglietto: 10 euro

 

avatar