“Inciampi”per festeggiare il primo compleanno del Museo della Città, a Livorno.

Compie un anno il Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea di Livorno. E si festeggia con “inciampi” di nuove opere di arte contemporanea.

“Inciampi”. Di cosa si tratta?
Il Museo della Città é il nuovo polo culturale che racconta la storia e la contemporaneità di Livorno. Si trova nel cuore de la Venezia, uno dei quartieri più pittoreschi della città, ed è composto da due ambienti molto diversi.
Da una parte, l’antico edificio dei Bottini dell’Olio, un grande deposito oleario del ‘700 costruito per volere di Cosimo III; dall’altra, gli interni barocchi della chiesa sconsacrata di piazza del Luogo Pio, che sorge proprio a fianco dei Bottini dell’olio e adesso vi è collegata grazie a una ristrutturazione il cui master plan, di Adolfo Natalini, ha riunito i due edifici.
Il progetto definitivo della ristrutturazione é di Giuseppe Di Pietrantonio e Melania Lessi, mentre gli allestimenti sono dell’ eccellente studio Guicciardini & Magni Architetti.
Il primo piano del Museo ospita la Biblioteca Labronica Guerrazzi. Al piano terra invece si sviluppa un percorso museale diviso in due sezioni.
Da una parte, opere d’archeologia e arte, fotografie e oggetti legati alla storia del posto.
Dall’altra, cioè nel Luogo Pio, opere di arte moderna e contemporanea appartenenti alle collezioni civiche di Livorno.

Per celebrare dunque il suo primo compleanno il Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea festeggia con la presentazione di nuove opere e progetti site specific che coinvolgono le arti visive, la musica, la danza e la performance, e vanno ad implementare il progetto inciampo a cura di Paola Tognon, Direttrice dei Musei civici di Livorno. 

I suoi inciampi fanno parte di un progetto in progress, o in divenire, che raccoglie opere e installazioni site specific – cioè create proprio per gli spazi del Museo della Città – di artisti contemporanei. L’idea, chiaramente basata su quella delle “pietre di inciampo” dell’artista Gunter Demnig che ricordano i cittadini deportati nei campi di sterminio nazista, è di frammentare, in modo inaspettato, la continuità delle collezioni.
Tra gli artisti selezionati c’è Ruth Beraha. Il suo progetto Non sarai mai solo é un lavoro che comprende sei opere e una performance. Ne fa parte anche Io non posso entrare (autoritratto), una piccola targa in ottone specchiato con la scritta “vietato l’ingresso agli ebrei e agli omosessuali”.
Uno studente ha ricoperto la targa appena istallata con una spruzzata di spray nero, trovandola offensiva. Beraha ha deciso di lasciare la targa annerita “e quindi censurata”, come ha scritto Paola Tognon, “a monito e con la consapevolezza di una lotta contro ogni discriminazione.”

I festeggiamenti poi comprendono due omaggi speciali: il primo a Renato Spagnoli, artista recentemente scomparso, attivo a Livorno sin dagli anni Sessanta.

Il secondo al grande coreografo e ballerino Lindsay Kemp.
Kemp, morto nel 2018, ha abitato gli ultimi anni della sua vita proprio a Livorno, in una casa che, come ha detto lui stesso “sorge dove un tempo c’era il Teatro Politeama, ed è come se ci fossero i fantasmi degli antichi teatranti, io li sento”. Kemp viene adesso ricordato con fotografie che Claudio Barontini harealizzate proprio in quella casa tra il 2017 e il 2018.

Tutti questi inciampi che celebrano il primo anno di attività del museo vanno ad aggiungersi all’installazione di Eva Frapiccini Il pensiero che non diventa azione avvelena l’anima (inciampo 01) e al progetto site specific All’imbrunire di Alfredo Pirri (inciampi 02, 03, 04) che sono già state inaugurate. Altri inciampi ancora arriveranno fino al 29 settembre 2019.

Tanti auguri di lunga vita, Museo della Città!

Margherita Abbozzo.
Il Museo della Città – Luogo Pio Arte Contemporanea è in Piazza del Luogo Pio, a Livorno
museodellacitta@comune.livorno.it
Info pratiche:
pegaso.comune.livorno.it
www.facebook.com/museodellacittadilivorno
www.instagram.com/museodellacittalivorno
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments