1 Maggio: riders in corteo a Firenze (con Pap e sindacati base)

rider

Circa 300 persone, secondo gli organizzatori, hanno sfilato stamani per le vie del centro di Firenze nel corteo, organizzato dal sindacalismo di base (Cobas, Cub, Usi) e da alcune organizzazioni politiche (tra cui Potere al popolo), per denunciare “il peggioramento progressivo delle condizioni di lavoro e l’insufficienza delle misure finora prese da questo governo, ossessionato dalla sicurezza, mai intesa peròcome sicurezza sul lavoro”.

Dal corteo si è poi mossa la manifestazione del Ruf (Ridersi Union Firenze), il sindacato
locale dei riders che secondo le stime, spiega una nota, a Firenze sono oltre un migliaio. Alla manifestazione erano presenti anche Antonella Bundu candidata a sindaco per Potere al
Popolo a Firenze e la capolista Francesca Conti.
Proprio Pap chiede più tutele per i riders “rifiutando l’idea della gig economy e dell’immaginario creatosi intorno alla figura ‘del giovane che arrotonda’”, a partire da quei
diritti fondamentali “quali assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, malattia, ferie e maternità, nonché il diritto di assemblea, di sciopero e quello ad una retribuzione adeguata,
che assicuri un’esistenza libera e dignitosa e un futuro meno precario”. Gli esponenti di Potere al Popolo, nella nota, chiedono quindi al Comune di “prendere posizione affinché nel
territorio vengano adottate e rispettate – almeno – queste tutele minime”, sul modello della Carta adottata a Bologna, e creati “spazi diffusi” dove i riders possano trovare riparo
soprattutto d’inverno o nelle giornate di maltempo.

0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments