Inchiesta Open: dalle informative GdF chat di gruppo a sostegno Toto

toto, Luca lotti, open
Foto Controradio

E’ quanto sostengono gli investigatori della guardia di finanza in una delle informative finite agli atti dell’inchiesta della procura di Firenze su Open, la fondazione nata per sostenere le iniziative politiche di Matteo Renzi.

Secondo gli inquirenti, così è scritto in un’informativa, il gruppo Toto avrebbe goduto di un vero e proprio “sistema di promozione” e di “sostegno” per l’approvazione da parte del Parlamento di modifiche normative favorevoli ai suoi interessi di concessionario autostradale, ottenuto in cambio di finanziamenti erogati per via indiretta a Open: per i pm sarebbero 800.000 versati da Toto a Bianchi a fronte di una prestazione professionale fittizia.

Nel mirino degli inquirenti anche una chat su Whatsapp per seguire l’iter delle norme favorevoli a Toto costruzioni, con scambi di messaggi tra Luca Lotti, ai tempi sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e segretario del Cipe, Alfonso Toto, referente del gruppo, e l’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente della fondazione Open.

Dalla carte che durante l’iter legislativo di sei provvedimenti, non tutti poi approvati, ci sarebbero stati scambi di messaggi whatsapp tra Alfonso Toto, Bianchi, Lotti, uno stretto collaboratore di quest’ultimo – non indagato – e l’imprenditore Patrizio Donnini, anche attraverso una chat di gruppo. Dalle conversazioni, precisa la finanza, emerge “l’attenzione degli interlocutori alle indicazioni espresse da Alfonso Toto”.

In un caso Bianchi avrebbe ricevuto da Lotti le foto di un emendamento e di un sub emendamento. Immagini subito girate da Bianchi a Toto col messaggio: “Dagli un occhio? Poi domani chiamami alle 9 in studio”. Bianchi poi, su indicazione di Toto, precisa a Lotti che quelle che gli ha inviato sono foto di testi non aggiornati

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments