🎧 In Toscana sono 9 le Comunità del Cibo

Cibo
🎧 In Toscana sono 9 le Comunità del Cibo
/

20 Maggio Giornata dell’Agrobiodiversità. La Toscana la celebra con tante iniziative disseminate nei territori ad opera delle Comunità del Cibo che li tutelano e li valorizzano.

Le comunità del cibo e dell’agrobiodiversità sono esperienze territoriali, nate spontaneamente, con un approccio “dal basso”, volte alla tutela e alla valorizzazione dell’agrobiodiversità di un intero territorio attraverso gli agricoltori e gli allevatori locali e le loro produzioni. Istituite con la Legge 194/2015, le Comunità sono ambiti locali derivanti da accordi stabiliti tra: agricoltori locali, agricoltori e allevatori custodi, gruppi di acquisto solidale, istituti scolastici e universitari, centri di ricerca, associazioni per la tutela della qualità della biodiversità di interesse agricolo e alimentare, mense scolastiche, ospedali, esercizi di ristorazione, esercizi commerciali, piccole e medie imprese artigiane di trasformazione agraria e alimentare, nonché enti pubblici.

Le finalità principali sono essenzialmente due: sensibilizzare la popolazione sui temi della tutela e della valorizzazione della biodiversità di interesse agricolo e alimentare promuovendo comportamenti che la tutelino; sostenere le produzioni agrarie e alimentari in particolare le produzioni degli Allevatori e degli Agricoltori custodi ottenute dall’allevamento e dalla coltivazione di risorse genetiche locali a rischio di estinzione;

“La Regione Toscana punta sulle Comunità del cibo – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – Rappresentano una spinta importante, che tiene insieme la valorizzazione dei territorio, la nostra storia e la tutela della nostra salute. Credo che la Toscana sia la regione con il più alto numero di Comunità, 5 sono state già riconosciute dal Ministero dell’Agricoltura e 4 sono in via di riconoscimento e se a queste aggiungiamo un’esperienza molto interessante che stiamo facendo con la Comunità del cibo di crinale che ci apprestiamo a realizzare con la Liguria dopo quella con l’Emilia, credo che possiamo vantare esempi importanti di come intendiamo valorizzare il territorio e le produzioni di nicchia che rappresentano la storia, i valori e la tradizione di un territorio. In questo modo riusciamo a recuperare coltivazioni antiche e rispettare la biodiversità, tema fondamentale e non a caso facciamo questa presentazione in prossimità della giornata dell’Agrobiodiversità del 20 maggio. Sono frontiere importanti per raggiungere gli obiettivi che l’Europa ci pone e che ci pone anche l’agricoltura: la lotta ai cambiamenti climatici, il rispetto sempre più alto dell’ambiente e un’alimentazione sempre più sana perché la nostra salute passa prevalentemente da ciò che mangiamo e dal modo con cui lo mangiamo”.

Le 9 Comunità 

ComunitĂ  del cibo e della biodiversitĂ  agricolo e alimentare della Maremma – APS Mission: Agroecologia – Territorio – BiodiversitĂ  nella comunitĂ  locale

APS – ComunitĂ  del cibo e dell’agrobiodiversitĂ  della Garfagnana. Mission: AgrobiodiversitĂ  e identitĂ  territoriale – Cibo buono, etico e sostenibile – Paesaggio rurale e turismo lento

ComunitĂ  del cibo e dell’agrobiodiversitĂ  di interesse agricolo e alimentare dell’Amiata. Mission: Tutela della AgrobiodiversitĂ  e IdentitĂ  Territoriale – Cibo buono e sano per il BenEssere dell’Uomo e della Terra – Cooperazione tra agricoltori per lo sviluppo di un’economia eticamente sostenibile

ComunitĂ  del cibo della Valdichiana.Mission: Partecipazione: la partecipazione è alla base di una programmazione e pianificazione delle azioni dal basso – SostenibilitĂ : attenzione all’ambiente, alla biodiversitĂ  e al territorio – InclusivitĂ : capaci di includere ed essere resilienti da azioni/energie/investimenti dall’esterno (turisti, commercianti, investitori, mercati, ecc.)

ComunitĂ  del cibo di Crinale 20 40 (crinale dell’Appennino Tosco-Emiliano che comprende territorio dell’Emilia Romagna, della Toscana e della Liguria) Mission: ConvivialitĂ  – Benedicenza/Benevolenza- Giovani

Comunità del cibo “Bio-diversamente Piana” (“Piana” fiorentina, tra i comuni di Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano, ecc.). Mission: Rigenerazione agricola locale: biodiversità e agroecologia. Promozione dei prodotti della rigenerazione: cibo locale alla popolazione locale. La comunità locale riscopre il buono, il bello, la cultura del proprio territorio agricolo.

ComunitĂ  del cibo e della biodiversitĂ  dei grani antichi di Montespertoli e delle colline del Chianti.Mission: Giusto prezzo agli agricoltori – Produciamoci il proprio cibo – Grani antichi

Comunità del cibo delle Crete Senesi.Mission: riacquisizione, salvaguardia e rivitalizzazione delle culture legate all’agro-alimentare e alla biodiversità delle Crete Senesi; Il primo progetto che intende intraprendere la nascente Comunità del Cibo delle Crete Senesi riguarda il Carciofo di Chiusure, un prodotto agricolo-alimentare che è stato un punto di forza delle attività agricole locali, fino agli anni ’60 del 1900.

ComunitĂ  del cibo “Cura la coltura” (ambito locale: intera regione; soggetti presenti e operanti nella provincia di Siena, Pisa e Firenze).Mission: Condivisione – Cura – Esplorazione di luoghi e sapori

Nei prossimi giorni, all’indirizzo https://www.regione.toscana.it/agrobiodiversità saranno disponibili anche i contatti delle singole Comunità del cibo.

Le prime 5 ComunitĂ  del cibo e dell’AgrobiodiversitĂ  che si sono costituite in Toscana, sono state anche riconosciute dal MiPAAF come Distretti del cibo e sono state iscritte al Registro nazionale distretti del cibo. Sono: la ComunitĂ  del cibo e della biodiversitĂ  agricolo e alimentare della Maremma; la ComunitĂ  del cibo e dell’agrobiodiversitĂ  della Garfagnana; la ComunitĂ  del cibo e dell’agrobiodiversitĂ  di interesse agricolo e alimentare dell’Amiata; la ComunitĂ  del cibo della Valdichiana e la ComunitĂ  del cibo di Crinale.

La Regione provvederĂ  a presentare la domanda di iscrizione al Registro nazionale dei Distretti del Cibo di altre 4 ComunitĂ  nate successivamente se in possesso dei requisiti richiesti.

Qui il calendario delle iniziative in tutta la Toscana

 

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments