“I Poeti del piano solo”

“I Poeti del piano solo” la terza edizione, dal 28 al 30 settembre. Un festival totalmente dedicato al recital di piano solo.

Apertura in Sala Vanni con Enrico Pieranunzi, il 29 secondo appuntamento con Tania Giannouli, chiusura il 30 settembre al Teatro Puccini con Tigran Hamasyan.

In Sala Vanni, presidio culturale dell’Oltrarno fiorentino mercoledì 28 settembre si esibirà Enrico Pieranunzi con il suo Piano Solo “Unlimited” (inizio ore 21:15), un’avventura musicale da seguire nota dopo nota. Si passa da una canzone di Gershwin a Scarlatti, da un blues a un brano originale che racconta una storia tutta sua. La sua musica, è stato scritto, “dà voce al desiderio di superamento del confine interpretativo” ed egli “si prende la libertà di interpretare se stesso”. Classe, eleganza, immaginazione sono gli ingredienti di una esperienza sonora che riesce a catturare appassionati di ogni genere musicale. Nei decenni della sua ricca discografia (più di 80 album) troviamo collaborazioni prestigiose con luminari del jazz come Chet Baker, Paul Motian, Charlie Haden, Marc Johnson e Joey Baron, ma anche un disco in duo con Bruno Canino (Americas) e lavori incentrati su Scarlatti, Bach, Haendel, Martinu e Gershwin. È l’unico musicista italiano ad aver registrato più volte a suo nome nello storico studio “Village Vanguard” di New York.

“I Poeti del Piano Solo” fa tappa anche al Museo dell’Opera del Duomo di Firenze. Nella meravigliosa Galleria del Campanile  protagonista giovedì 29 settembre Tania Giannouli (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria – posti esauriti).
Tra i nomi più freschi e attuali del panorama europeo, compositrice e improvvisatrice, la pianista trasferisce sulla tastiera questa sua doppia dimensione che la porta a esplorare il mondo del jazz con personalità, facendo ricorso anche al suo background classico e alle influenze folkloriche della terra di origine, la Grecia.

Chiude il programma Il concerto di Tigran Hamasyan, in data unica il 30 settembre al Teatro Puccini, recentemente rinnovato per accogliere il grande pubblico con una acustica di prim’ordine (inizio ore 21:15). Considerato uno dei più straordinari musicisti della sua generazione, il trentenne Hamasyan unisce la potenza dell’improvvisazione jazz, la musica folcloristica della sua terra natale, l’Armenia, e la potenza del rock.

INFO

Sala Vanni
Piazza del Carmine 14
biglietti 13€ + d.p
prevendite Boxol.it

Teatro Puccini
Via delle Cascine 41
biglietti 15€/25 € + d.p
prevendite Boxol.it

Museo dell’Opera del Duomo
Piazza del Duomo 9
Posti esauriti

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments