Ven 21 Giu 2024

HomeToscanaDirittiGkn: 'Governo non fugga, serve tavolo'

Gkn: ‘Governo non fugga, serve tavolo’

“Mi auguro che il Governo non intenda fuggire di fronte al problema” della ex Gkn di Campi Bisenzio (Firenze).  Così il sindaco di Campi Bisenzio Andrea Tagliaferri.

“L’unico appuntamento previsto dal ministero sulla questione è, il tavolo tecnico preliminare con la Regione convocato per il 12 ottobre, dove però non è prevista la presenza delle istituzioni locali, della Città metropolitana e di altri attori coinvolti nella vertenza, tra cui la cooperativa Gff che “è l’unico soggetto ad aver messo in campo un’opzione percorribile, proponendo un piano industriale basato sulla produzione di cargo-bike e di pannelli fotovoltaici”. Così il sindaco di Campi Bisenzio Andrea Tagliaferri.

Il sindaco è intervenuto oggi, spiega una nota, “per restituire una narrazione corretta in seguito alle dichiarazioni del ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e della sottosegretaria Fausta Bergamotto, che hanno rifiutato di convocare il tavolo di crisi sulla vertenza Qf Spa (ex Gkn) richiesto da sindacati e istituzioni, dopo l’annuncio da parte del liquidatore della volontà di riaprire la procedura di licenziamento dei lavoratori”. Secondo il Comune la partecipazione di tutti gli attori istituzionali è necessaria per definire un quadro completo e dare forza a un’azione unitiva.

Tutte le istituzioni devono convergere ora su un’analisi attenta del progetti e dei piani elaborati dal personale della ex Gkn; su un modello alternativo che venga applicato ogni volta che si prospetta una delocalizzazione; sulla reale consistenza di un piano industriale. Presente oggi anche Valerio Fabiani, consigliere speciale per il lavoro e le crisi industriali del presidente della Regione Eugenio Giani.

“Continuiamo a chiedere il tavolo di crisi – osserva Fabiani – perché di crisi stiamo parlando, alla vigilia di 200 licenziamenti preannunciati. Parteciperemo all’incontro istituzionale del 12 ottobre, ma chiediamo inoltre la convocazione di un vero tavolo tecnico per discutere del piano industriale, che non può essere fatto senza la presenza dei soggetti proponenti. Basta giocare con le parole e con la pelle dei lavoratori, comunque si voglia nominare l’incontro, serve un luogo nel quale discutere in concreto le prospettive industriali”.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)