Giani: ritardo vaccini Astrazeneca in Toscana, dosi verranno somministrate anche la sera

vaccino astrazeneca giani
Foto Controradio
Giani: ritardo vaccini Astrazeneca in Toscana, dosi verranno somministrate anche la sera
/

Fiale vaccini astrazeneca destinati alla fascia 70-79 anni non arrivano oggi come previsto

Per un ritardo nelle consegne delle dosi del vaccino AstraZeneca, le prenotazioni dell’1 e del 2 aprile effettuate in Toscana da cittadini nati fra il 1941 e il 1951 saranno spostate ai giorni immediatamente successivi, con vaccinazioni anche nelle sere di Pasqua e Pasquetta: lo ha annunciato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, in una conferenza stampa.

“I vaccini AstraZeneca – ha detto – non arriveranno oggi, 30 marzo, come noi prevedevamo. Non arrivando stasera, dovremo spostare coloro che avevamo prenotato per il 1 aprile e probabilmente il 2 aprile”, circa 19mila persone in tutto. “In modo informale mi è stato detto che dovrebbero arrivare il 2 mattina, e conseguentemente essere pronti per il 3”, ha aggiunto Giani: “Cercheremo le persone prenotate per l’1 e il 2 aprile – ha spiegato – e cercheremo di sistemarle in orari che non erano coperti dalla pianificazione, probabilmente anche a Pasqua e Pasquetta useremo orari dalle 20 a mezzanotte. Cercheremo di non distogliere la pianificazione di chi ha ricevuto l’appuntamento dal 3 aprile ai giorni successivi”.

Per quanto riguarda le altre categorie vaccinali: sono arrivati i vaccini Pfizer per gli over 80 in modo da procedere secondo programma con le prime dosi entro il 25 aprile. “Stamani è arrivata l’intera dose dei vaccini Pfizer, quelli destinati agli over 80”, l’intero carico che era previsto, per cui “confermo che il programma vaccinale di questa settimana per gli over 80 che avevamo annunciato, nello schema che ci vuole portare per il 25 aprile ad avere somministrato una dose, almeno la prima, a tutti gli over 80, va avanti con una vaccinazione che impegnerà più di 80.000 dosi”, continua Giani. “I vaccini sono arrivati stamani – ha spiegato – quelli di oggi che vengono ritirati attraverso le farmacie dai medici di famiglia sono poco più di 8.000, ma domani o dopodomani la somministrazione da parte dei medici di famiglia supereranno le 20.000 dosi”. Giani ha aggiunto che “siamo con convinzione dell’idea di destinare agli over 80 i vaccini Pfizer, quelli che fin dall’inizio si presentano con le caratteristiche per ogni età, con le condizioni di massima sicurezza”.

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments