Firenze, l’architetto De Blasi è il candidato M5s per le comunali

de blasi

Si è svolta stamani la conferenza stampa di presentazione della candidatura di Roberto De Blasi. Sicurezza, urbanistica, cultura, viabilità e ambiente sono i cinque punti fondamentali del programma.

Sicurezza, urbanistica, cultura, viabilità e ambiente sono i cinque punti fondamentali del programma di Roberto De Blasi, candidato a sindaco di Firenze per il M5s, che ha illustrato oggi alla stampa la sua candidatura. “Roberto – ha spiegato Silvia Noferi, capogruppo uscente a Palazzo Vecchio – è stato il primo a inviare la lista qualche mese fa con tutti i documenti necessari, e ha partecipato con la sua squadra a Villaggio Rousseau, dove nessun altro candidato in lista per Firenze era presente”. Secondo De Blasi a Firenze c’è una “emergenza sicurezza” con “episodi criminosi all’ordine del giorno” che devono essere contrastati, mentre le opere da realizzare, infrastrutturali e non, devono essere inserite in una pianificazione urbanistica: ribadita la contrarietà al potenziamento dell’aeroporto, De Blasi ha espresso perplessità per il progetto di tramvia sui viali di circonvallazione, che avrebbe “un forte impatto sul tessuto urbano”, e invoca un’analisi più approfondita sul progetto di nuovo stadio, osservando che “fra Campi Bisenzio, Prato e Pontassieve ci sono comuni che possono ospitare la struttura senza creare disagi per la popolazione residente”.

“Non è previsto che ci siano dichiarazioni di voto in funzione del risultato” del ballottaggio, “ognuno potrà votare – ha aggiunto – secondo la propria coscienza. Io comunque lotterò fino alla fine per arrivare a un risultato che non mi metta in condizione di dover decidere per quale candidato votare: vorrei per Firenze un sindaco del M5s, sto coi piedi per terra ma siamo tenaci”.

“E’ necessario tentare di ricompattare gli animi per dare più forza e valore all’unità del Movimento 5 Stelle a Firenze”. “Ci deve essere – ha sottolineato De Blasi – una corrispondenza di dialogo: se c’è la volontà di aprire a rappresentanti degli altri gruppi, ci deve essere volontà da parte loro di partecipare al progetto che sto portando avanti. A breve chiuderemo la compilazione delle liste, ed è in corso un’attività di riavvicinamento delle persone che non hanno condiviso la scelta fatta nei miei confronti”. A tale proposito, il consigliere regionale M5s Andrea Quartini ha ricordato che c’è “grande apertura e disponibilità sia sul programma, sia per collaborare e integrare la lista con figure che si rendono disponibili e vogliono ‘giocare’ con il M5s. Chi non vuole giocare col M5s si deve assumere le sue responsabilità”.

Gimmy Traquillo ha intervistato Roberto De Blasi, candidato sindaco per Firenze, a proposito delle infrastrutture e dei trasporti della città:

avatar