Firenze, a novembre una statua in ricordo di Gino Bartali

Gino Bartali

Il 19 novembre verrà inaugurata la statua dedicata a Gino Bartali, grande campione del ciclismo, ‘Giusto fra le nazioni’ per aver salvato alcune centinaia di ebrei dalla Shoah.

L’opera di Silvano Porcinai, una statua alta 3 metri, fu esposta al Mandela Forum di Firenze durante i Mondiali di ciclismo 2013. Della statua raffigurante Bartali è stata realizzata una copia in bronzo, come spiega una nota di Palazzo Vecchio che ne sottolinea la recente fusione avvenuta nella Fonderia Cigli e Carrai di Cascine del Riccio. L’opera sarà collocata nel Quartiere 3, proprio nella piazza che porta il nome di Bartali, in una zona della città che è anche polo della memoria visto che lo stesso quartiere ospita il Memoriale di Auschwitz, il monumento ai caduti di Pian d’albero, l’area ludica di piazza Elia dalla Costa dedicata a Aronne Cavicchi, impiccato a soli 12 anni dai nazisti.

Ad aver promosso e coordinato formalmente l’iniziativa sulla statua di Gino Bartali è la Federazione ciclistica italiana attraverso il Comitato regionale Toscana, insieme alle tre storiche società sportive ciclistiche di Firenze, S.S. Aquila, A.S.Aurora e Itala ciclismo 1907, e con la collaborazione del Quartiere 3 del Comune di Firenze. È tutt’ora in corso una raccolta fondi per recuperare le risorse in modo da coprire integralmente i costi dell’opera.

“Noi familiari abbiamo fin dal principio sostenuto il progetto della statua e ne promuoveremo l’iniziativa in quanto riteniamo che Gino Bartali sia stato, non solo un illustre fiorentino degno di riconoscimento, ma che sia tutt’oggi un alto esempio di umanità, coraggio, rigore morale e altruismo per la nostra società”, ha affermato Lisa Bartali, nipote del campione. Il sindaco Dario Nardella ha ricordato che “Bartali era un fenomeno, un campione assoluto”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments