Dal 12 al 22 settembre arriva la 15esima edizione del Cirk Fantastik

Cirk Fantastik

11 giorni di spettacoli, oltre 40 repliche e due Chapiteau: il Teatro nelle Foglie e CircoKrom. Dal 12 al 22 settembre arriva la 15esima edizione del Cirk Fantastik. Al Parco delle Cascine (Piaazale del Re), dalle 4 di pomeriggio fino a tarda notte, un universo di diverse espressioni, dal circo contemporaneo alla danza classica e contemporanea, fino alla letteratura e al teatro d’ombre.

Le arti circensi si fondono con la danza classica e contemporanea, la letteratura, la musica, il mimo e l’acrobatica aerea. Grazie al linguaggio universale del corpo e della musica dal 12 al 22 settembre il Cirk Fantastik porterà artisti e pubblico fluttueranno come in Acquarius, tema di questa XV edizione, tra spettacoli, incontri e anteprime dedicate ad adulti e bambini.

Saranno 40 le repliche che andranno in scena nello Chapiteau CircoKrom e nei nuovi spazi di questa 15a edizione: come il Teatro nelle Foglieinaugurato dallo spettacolo Ballata d’Autunno (12 e 18 settembre), opera che unisce il teatro delle ombre e le discipline dell’arte circense, e ilTeatro Ambulante della compagnia Samovar, una scatola magica che  aprendosi diventa una sala teatrale completamente attrezzata.

Tante le novità di questa edizione del Cirk Fantastik, tra cui lo spazio libri a cura della libreria Cuccumeo,  il Nuovo Cinema Circo, con uno show cinematografico di Raffaele de Ritis e i seminari di Alta Formazione dedicati agli adulti tra lezioni di percussioni e palo cinese.  L’area aperta del parco ospiterà i tanti spazi interattivi e i laboratori di circo per bambini; i reading; gli spettacoli teatrali e i concerti di afro bit, balkan, cumbia, funky con ospiti nazionali e internazionali; il Mercato degli Artigiani e la nuova area ristoro.

Il teatro d’ombre, il mimo, l’acrobatica aerea, la danza e le clownerie aprono il festival (12 e 18 settembre) con l’opera multidisciplinare Ballata d’Autunno della compagnia Teatro nelle Foglie in scena nell’omonimo Chapiteau. Una favola moderna in cui si mescolano la forza del circo con la poesia e l’improvvisazione del teatro di strada, veicolati dal linguaggio universale del corpo, dello sguardo e delle ombre. “Dove vanno a finire i ricordi che dimentichiamo? Esiste una scatola dove vengono racchiusi, in attesa del momento giusto per tornarci in mente? E chi decide quando è il momento giusto?”.
 
Spazio all’acrobatica aerea e al teatro-circo con Immaginaria (14 settembre), per viaggiare dentro la fantasia e imparare a danzare con i propri sogni. Trascinando un baule gigante, compare Maldimar, personaggio in bilico tra cartone animato e bambino di strada, che riporta lo spettatore allo stupore dei più piccoli, tra umorismo, poesia e improvvisazione.
Lo Chapiteau Teatro nelle Foglie ospita Uomo Calamita, spettacolo che unisce letteratura, arte circense e musica dal vivo, interpretato da Giacomo Costantini della compagnia El Grito, Fabrizio “Cloyne” Baioni e Wu Ming 2 (sostituito alla narrazione dall’attore Daniele Favilli). Gli artisti mettono in scena (13-14-15 settembre) la fine del work in progress preparato nella scorsa edizione del Cirk Fantastik e che sarà  presentato in anteprima nazionale a Roma in dicembre. Uomo Calamita è la storia di Raul, circense furioso che durante la seconda guerra mondiale trascorre le sue giornate tra i fascisti e la Resistenza da una parte e la solitudine dall’altra. Per passare il tempo danza liberamente sulla pista, vola al galoppo sul suo cavallo immaginario e cerca di suonare quel che rimane degli strumenti della banda che accompagnava i suoi numeri. Raul è un supereroe assurdo che con i suoi poteri inutili combatte l’assurdità del fascismo.

Tutto il programma completo  su: www.cirkfantastik.com
Le interviste di Lorenzo Braccini all’assessore alla cultura Tommaso Sacchi e alla direttrice artistica Natalia Bavar.
avatar