Sab 20 Lug 2024
HomeToscanaServizi🎧 Arrivano i nuovi Bus di AT, con il bottone rosso per...

🎧 Arrivano i nuovi Bus di AT, con il bottone rosso per l’allarme

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Arrivano i nuovi Bus di AT, con il bottone rosso per l'allarme
Loading
/

Più piccoli, di ultima generazione, quindi sostenibili da un punto di vista ambientale, dotati di cabina antisfondamento, di telecamere e di un bottone rosso di allarme che attiva la questura. Infine accessibili, grazie a una grande pedana mobile, anche alle persone con disabilità. Si presentano così i nuovi sette Bus Euro 6 di Autolinee toscane destinati al trasporto extraurbano: 4 andranno a coprire l’area del Comune di San sepolcro, nell’aretino, 3 invece sono destinati a quella metropolitana di Firenze, verso Pontassieve, Molin Del Piano e Santa Brigida.

Come promesso nel 2023, il parco dei mezzi di trasporto extraurbano di Autolinee Toscane si rinnova in forza dello stop scattato dal primo gennaio di quest’anno ai mezzi Euro 2, che fino ad oggi hanno rappresentato circa il 7% della flotta. I Bus azzurri arrivano nei tempi di proroga concessi dal Governo, e sono più piccoli (9 metri), calibrati in rapporto alle strade provinciali che dovranno percorrere. Hanno una capienza massima di 42 passeggeri che potranno fare il biglietto a bordo, proprio come in città, ossia con carta di credito: basterà fare il “tap” due volte, quando si sale e quando si scende.

“Questo piano non solo mira a migliorare la qualità del servizio, ma anche a incrementare la sicurezza, la sostenibilità e l’accessibilità per tutti i cittadini”, così Gianni Bechelli, presidente di Autolinee Toscane (AT), che ha annunciato che quest’anno sono stati introdotti circa 400 nuovi autobus e ulteriori 300 saranno aggiunti entro la fine dell’anno. L’investimento è parte di un piano che, entro il 2025, porterà all’acquisizione di oltre 700 nuovi autobus, che andranno a sostituire i vecchi modelli Euro 2 – entro l’estate 2024 – ed Euro 3 – entro il 2025. “Nel giro di un anno e mezzo – prosegue Bechelli- saranno realizzati gran parte degli obiettivi e la Toscana si troverà dotata di una delle flotte più giovani d’Italia che migliorerà il servizio extraurbano altrettanto importante rispetto agli urbani, perché – ha concluso – oltre alle grandi città a noi interessa molto anche la Toscana diffusa”.

I nuovi autobus non solo migliorano la qualità dell’aria grazie alle emissioni ridotte dei motori Euro 6, ma offrono anche numerosi vantaggi tecnologici e di sicurezza. Sono infatti equipaggiati con cabine antisfondamento, telecamere di sorveglianza per registrare eventuali atti di violenza e un bottone rosso di allarme che permette un contatto diretto con la questura per interventi immediati.

“Il rinnovo della flotta ha reso il trasporto pubblico più efficiente e sostenibile, con un particolare miglioramento per le persone disabili grazie a nuovi sistemi di accessibilità,” ha detto l’assessore regionale alla mobilità Stefano Baccelli. “Sono certamente più efficienti e presentano un risparmio ambientale, perché sono euro 6 e vanno a sostituire i vecchi euro 2 e 3. Sono anche più sostenibili per i disabili. Esiste infatti un problema annoso per cui bus magari anche attrezzati per utenti disabili non dialogano con le pedane delle banchine di sosta. In questo c’è una piena autonomia dei mezzi”. Baccelli ha poi ricordato come la regione Toscana investa circa 660 milioni di euro all’anno, suddivisi tra ferro e gomma, “ma manca un’interlocuzione tra RFI e Trenitalia, ad esempio, sul tema dei bus sostitutivi, che creano ancora dei disservizi, ma stiamo lavorando per gestire meglio queste situazioni”.

Particolarmente soddisfatto il Sindaco di Pontassieve, Carlo Boni, che parla dell’importanza del miglioramento dei trasporti per la qualità della vita dei cittadini. “Investire in mezzi moderni e efficienti – ha detto Boni – è cruciale per connettere meglio il territorio con Firenze e migliorare i collegamenti urbani. Crediamo che il nostro territorio debba guardare sempre di più a una connessione efficiente con Firenze, migliorando i collegamenti come una vera e propria metropolitana di superficie”. Allo stesso modo il consigliere comunale di Sansepolcro, Giuliano Del Pia: “Il trasporto su ruota è essenziale per noi, dato che non abbiamo una ferrovia. Questi nuovi autobus rappresentano un grande miglioramento per le nostre comunità”.