Disco della settimana: BADBADNOTGOOD “Talk Memory”

badbadnotgood

Jazz, hip-hop, suggestioni cinematiche, un pizzico di progressive ed un approccio “alternative” sono l’amalgama vincente dei BADBADNOTGOOD, interessantissimo ensemble canadese alle prese con il suo quinto album.

BadBadNotGood è un gruppo di musica strumentale canadese e un team di produzione di Toronto, Ontario. Il gruppo è stato fondato nel 2010 dal bassista Chester Hansen, dal tastierista Matthew Tavares e dal batterista Alexander Sowinski. Nel 2016, sono stati affiancati dal collaboratore Leland Whitty. Tra gli altri progetti, il gruppo ha pubblicato cinque album in studio, compreso l’ultimo, Talk Memory, appena pubblicato. Hanno avuto un enorme successo tra pubblico e critica, trovando fan nelle comunità hip hop, jazz e musica alternativa.

Il gruppo combina la musica jazz con una prospettiva di produzione hip hop ed è ben noto per le sue collaborazioni con artisti come Tyler, The Creator, Daniel Caesar, Mick Jenkins, Kendrick Lamar e Ghostface Killah. Per il loro lavoro di composizione e produzione, sono stati nominati per quattro Grammy Awards, vincendone due.
Il nuovo album, un lavoro basato per lo più su session di improvvisazione, è stato prodotto e scritto dal trio con il contributo degli strumentisti americani Laraaji, Karriem Riggins, Terrace Martin e Brandee Younger e arrangiamenti per archi del compositore brasiliano Arthur Verocai.

Dopo la promozione sui social media all’inizio di luglio, la band ha annunciato ufficialmente l’album il 15 luglio 2021, pubblicando il singolo principale “Signal from the Noise”.

Così in una recente intervista la band ha descritto il processo creativo alla base delle sue produzioni: “Quello che facciamo è avvicinarci alla musica da una formazione jazz. Usiamo il linguaggio jazz quando scriviamo, ma non siamo poi i migliori musicisti del genere, quindi non cerchiamo di vederci come innovatori prolifici perché il jazz ha questa storia di progressione costante senza limiti con otto ore al giorno di pratica. Abbiamo allora imparato a trovare interessi diversi – che si tratti di produzione, tecniche di registrazione, scrittura, esplorazione di generi musicali completamente diversi – invece di far progredire i nostri strumenti di per sé come solisti. Ascoltiamo Coltrane e Sun Ra e tutti questi avanguardisti, ma per noi siamo nell’era di Internet e dell’epoca in cui viviamo amiamo studiare tutto. È questa strano processo in corso per cui per noi è importante continuare a essere istruiti e imparare”.

Uscito per XL Recordings and Innovative Leisure, “Talk Memory” dei BADBADNOTGOOD è il nostro Disco delle settimana!

0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments