Ven 19 Lug 2024

HomeToscanaAmbienteAlluvione: rientrati a casa evacuati nel pratese

Alluvione: rientrati a casa evacuati nel pratese

Alluvione – Da questa mattina anche le ultime famiglie evacuate sono rientrate in casa dopo i controlli geologici sullo smottamento che c’è stato a Figline di Prato in un terreno per cui già da oggi viene istituito il tavolo tecnico per programmare gli interventi di messa in sicurezza.

Lo riferisce il Comune aggiungendo che procede senza sosta l’attività della Protezione civile e degli uffici, in stretta collaborazione con le aziende dei servizi. Da oggi sono riaperti tutti i cimiteri, tranne quello di Chiesanuova che ha subito danni. Riaperti anche il giardino pubblico Gioca Giò, il parco dell’ex Ippodromo e quello delle Cascine di Tavola dove è stato già completato il controllo delle alberature e fatta la pulizia. Restano chiusi tutti gli altri giardini e aree verdi della città fino alla mezzanotte di venerdì 17 novembre per dare la possibilità ai tecnici di controllare lo stato delle alberature e procedere, là dove necessario, alla ripulitura delle ramaglie.

Controlli anche nelle scuole, in particolare nei giardini ma per ora non emergono criticità. In tre plessi restano ko gli ascensori e i vani caldaia dove è necessario attendere la completa asciugatura prima della rimessa in funzione. Inoltre i dirigenti sono stati già avvertiti per organizzare un momentaneo spostamento di aule al piano terra per le classi con studenti con difficoltà motoria. Continua con i mezzi di Alia, delle aziende private, dell’Esercito e con l’aiuto delle Colonne mobili di Lazio e Campania l’attività di ritiro ingombranti e pulizie strade nelle aree colpite dall’alluvione. E’ in conclusione il primo passaggio per il ritiro su tutto il territorio.

“E’ necessario che il Governo intervenga prestissimo con i ristori, indicando le modalità con cui le famiglie e le imprese potranno richiederli e quantificando anche le cifre. Non possiamo più aspettare, lo ribadirò anche questa mattina”. Lo ha dichiarato il sindaco di Prato Matteo Biffoni apprestandosi a incontrare a Campi Bisenzio il ministro alla Protezione civile Musumeci e il capo dipartimento della Protezione civile Curcio. Invece, riferisce il Comune, il vicesindaco Simone Faggi sarà con Gravina, presidente della Figc, per sollecitare un sostegno alle società sportive e un aiuto alla città di Prato per ricostruire il campo di calcio Galleni dove l’alluvione ha causato ingenti danni.

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)