Aeroporto, Toccafondi: “Firenze cavia da sperimentazione elettorale”

Peretola

“La nuova pista di Peretola va fatta ed è vergognoso che la tattica politica metta a rischio lo sviluppo della Toscana. Sul tema dell’espansione dell’aeroporto di Firenze i cittadini e le imprese meritano risposte chiare dal governo.”  Lo afferma la senatrice Pd Caterina Biti in merito al potenziamento dell’aeroporto di Firenze.

“Il ministro Centinaio oggi, – aggiunge Biti sull’aeroporto – nella sua intervista a Repubblica, affronta un argomento fondamentale per il territorio toscano con grande superficialità, tanto che le discussioni nei bar delle provincia di Firenze hanno, ormai da anni, capacità di approfondimento ben maggiori”.

“La Lega in Toscana – prosegue la senatrice – era sempre stata a favore dell’ampliamento del Vespucci e invece, da qualche giorno, parte di quel partito sacrifica lo sviluppo della nostra regione sull’altare dell’alleanza con il Movimento 5 Stelle”.

“Ci chiediamo a questo punto quale sia la Lega a cui dar credito – osserva ancora Biti -: quella che conosce l’importanza dello sviluppo dell’aeroporto, o quella della propaganda fatta per non scontentare il Movimento 5 Stelle e la sindaca leghista Ceccardi che, guarda caso, amministra un Comune del territorio pisano?”.

“Nell’interesse dei cittadini e dell’economia del territorio faremo di tutto per andare avanti col progetto di ampliamento dell’Amerigo Vespucci” conclude Biti.

“Hanno gettato la maschera, il loro vero obiettivo è punire Firenze e i fiorentini bloccandone lo sviluppo e la modernizzazione infrastrutturale, è evidente che per il Governo Firenze è diventata una cavia da sperimentazione elettorale”. Così il deputato fiorentino Gabriele Toccafondi (Cp) commenta “lo stop alla nuova pista dell’aeroporto Amerigo Vespucci, annunciato dal ministro al Turismo Gian Marco Centinaio, in una intervista a Repubblica Firenze”.

Per Toccafondi, l’aspetto “più assurdo” sta nella motivazione avanzata da Centinaio, perché “è incredibile che il ministro al Turismo si ponga come primo obiettivo quello di far diminuire i turisti. Che ministro del turismo può mai essere quello che punta a far diminuire i turisti?”.

“Dato che a Palazzo Vecchio loro sono opposizione – conclude – devono legarle mani e piedi, per poi provare ad andare a lucrare nella prossima campagna per le elezioni comunali. Da qui lo stop alle opere pubbliche, a cominciare dalla nuova pista di Peretola, lo stop ai finanziamenti già stanziati, ad esempio i 18 milioni del piano Periferie, lo stop alle richieste di maggiore sicurezza”

 

Commenta la notizia

avatar