Vicofaro: soluzione entro un mese per redistribuzione dei migranti

vescovo

Si risolverà entro la fine del mese di ottobre, o al massimo nei primi giorni di novembre, la situazione dell’accoglienza dei migranti nella parrocchia di Vicofaro (Pistoia) ritenuta dall’Asl sovraffollata e quindi a rischio sotto l’aspetto sanitario per l’emergenza Covid.

Il cronoprogramma è stato deciso ieri in occasione di una riunione a Firenze, a cui hanno partecipato Regione, Diocesi di Pistoia, Prefettura, Comune, Questura e Asl Toscana Centro. Secondo quanto si apprende dalla Regione, il percorso verso la risoluzione partirà domani con la firma da parte del presidente uscente Enrico Rossi di un’ordinanza con la quale ordinerà all’Asl di risolvere il problema sanitario a Vicofaro.
A sua volta l’Asl, dovrà individuare di intesa con la Curia strutture adatte e disponibili ad ospitare i migranti che saranno spostati da Vicofaro. Tra le ipotesi ci sono anche strutture fuori dalla Diocesi di Pistoia che hanno dato la loro disponibilità.
Inoltre dovrà essere fissato un numero massimo definitivo di migranti che potranno essere accolti dalla parrocchia di don Massimo Biancalani. Parrocchia che, infine, firmerà una sorta di convenzione con la Regione Toscana che quindi potrà sostenere finanziariamente i progetti di accoglienza in base alla legge toscana cosiddetta ‘Samaritana’.
0 0 vote
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments