Sab 20 Lug 2024

HomeToscanaDiritti🎧 Tre anni di insorgenza: grazie Ex Gkn!

🎧 Tre anni di insorgenza: grazie Ex Gkn!

Logo Controradio
www.controradio.it
🎧 Tre anni di insorgenza: grazie Ex Gkn!
Loading
/

Oggi 9 luglio 2024 ricorre il terzo anniversario di una lotta che non si ferma sul nostro territorio e che chiede risposte per il futuro di tutti e tutte. Stiamo parlando dell’Ex Gkn di Campi Bisenzio.

“GKN chiude il proprio stabilimento ed ha aperto la procedura di licenziamento collettivo per tutti i propri 422 dipendenti”. La notizia arrivò in redazione come una doccia fredda in una calda estate, ma niente di piacevole aveva quel refrigerio che raggelava i cuori ed infiammava gli animi.

L’acquisto nel 2018  da un fondo di investimento finanziario, la Melrose Industries già non aveva lasciato presagire nulla di buono. Per far incrementare il rendimento di un titolo bisogna abbattere i costi reali di produzione, e da che mondo è mondo c’è un solo modo per farlo in tempi rapidi: tagliare il costo del lavoro. E allora nel 2020 dietro la crisi pandemica a Birmingham (UK), l’azienda licenziava 185 lavoratori su 600, senza accedere agli ammortizzatori sociali.

Quel  luglio di tre anni fa le mail arrivarono ai lavoratori di Campi Bisenzio e alle loro famiglie. Da quel 9 luglio la storia della lotta operaia, della mobilitazione sindacale, dell’insorgenza sociale è cambiata. Non lo avevano chiesto i lavoratori non lo avevano chiesto le loro famiglie ma ne ha avuto bisogno un intero territorio ed una politica incapace nei fatti e nella volontà di arginare una speculazione che delocalizzando  mangia, svuota e rigetta ogni possibile sostenibilità umana, ambientale e produttiva.

Se qualcuno e qualcosa non è stato visto arrivare è la vertenza Gkn che ha costretto mondo economico, istituzionale, informativo a fare i conti non con una resistenza che va ben oltre i cancelli della fabbrica di Campi, si irradia a suon di iniziative, assemblee, incontri, manifestazioni, spettacoli, in tutto il Paese. Non gli si sta dietro all’insorgenza, perché una volta che è partita non basta fermare 150 operai rimasti, non basta accusarli di occupazione abusiva, di pericolosi sovversivi… perché dietro hanno un fiume di persone che ne condivide valori, battaglia e fame di futuro e soprattutto di un mondo nuovo.

I 35 giorni di accampata, i 13 di sciopero della fame sono solo due degli ultimi tasselli di una lotta che è capace di mantenere alta la mobilitazione della piazza e di portare proposte, progetti, domande ineludibili ai tavoli ministeriali. Stipendi, commissariamento, intervento pubblico qui ed ora, con la legge regionale sui consorzi pubblici.  I ristori della Regione fanno rifiatare per l’estate ma rendono ancora più urgente la reindustrializzazione, la legge è in discussione nelle commissioni. La possibilità di chiudere la discussione entro luglio è concreta, ma è necessaria una reale volontà politica di farlo. Il Governo in primis, mentre le sedi di tribunale richiamano Qf al suo dovere di pagamento degli stipendi e il cui commissariamento è l’unica soluzione. Richieste di dignità e di responsabilità sociale alle quali ognuno deve rispondere facendo la sua parte.

Difficile però tenere in piedi una vertenza facendo valere diritti che siano precedenti e tenendo alto il volume della partecipazione. Ma Gkn ci è riuscita con l’appoggio di decine di rsu di altre aziende ed anche dei lavoratori della Regione, la marcia da San Miniato, le organizzazioni sindacali, gli studenti, artisti nazionali ed internazionali,  delegazioni da tutto il mondo.

C’è un pezzo di Gkn in ognuno di noi, quasi come fossimo componenti di un nuovo semiasse che dai prototipi delle cargo bike e delle macchine per il fotovoltaico, possa rappresentare molto di più. Un bene comune. Una fabbrica socialmente integrata, il contrasto pubblico, comunitario, alle delocalizzazioni, alle speculazioni e alle finte reindustrializzazioni, la transizione ecologica dal basso, insomma un mondo nuovo. Di cui ognuno di noi ha bisogno. Perché la prossima estate non ci sia un quarto anniversario di vertenza ma un primo passo concreto di convergenza esserci ora, il 12 luglio ed oltre, è necessario.

Così come necessario è un: Grazie Ex Gkn!

Rock Contest 2023 | La Finale

Sopravvissute, storie e testimonianza di chi decide di volercela fare (come e con quali strumenti)