Toscana: ancora disagi sui treni. Scatta il bonus pendolari

Sciopero nazionale
Foto di repertorio

In Toscana continuano i disagi lungo le linee ferroviarie: scatta il bonus pendolari.

Una nota della Regione ha infatti annunciato che è previsto il bonus pendolari di settembre per la linea Firenze-Pistoia- Lucca-Viareggio e per due linee diesel del bacino senese, la Siena-Chiusi e la Siena – Grosseto. Per queste tre tratte è scattato il cosiddetto ‘ristoro’ destinato agli abbonati come risarcimento ritardi e soppressioni dei treni.

Il diritto al bonus matura quando l’indice di affidabilità è inferiore a 97,50%. Nel mese di settembre però ben 8 linee su 14 (ci sono anche la Firenze-Arezzo-Chiusi; la Faentina Firenze Borgo via Pontassieve; la Pisa-La Spezia ) sono sotto il 98%, e in alcuni casi molto vicino al limite. Un esempio sono le linee della Valdiseve e la Firenze Siena che hanno un indice di affidabilità del 97,56%.

Anche le linee diesel nel loro complesso vanno male, in parte per i frequenti guasti e le soppressioni causate dalla vetustà del materiale, in parte per guasti all’infrastruttura. Sulla Firenze-Viareggio, che ha un indice di affidabilità del 97.18%, i disagi sono stati di tutti i tipi, con numerosi eventi legati a cause esterne: passaggi a livello abbattuti dalle auto, presenza di estranei sulla linea, malfunzionamenti e rallentamenti al termine dei lavori estivi per il raddoppio, guasti a impianti e a materiali.

L’assessore ai Trasporti Stefano Baccelli si è espresso in merito al problema. “Il bonus non è una soluzione, ma segnala una patologia. Dal monitoraggio che fanno i nostri uffici abbiamo un quadro approfondito del servizio, se consideriamo la puntualità senza esclusione di causa, quella che rappresenta la vita quotidiana del pendolare, con gli effetti di tutto quello che accade sulla linea, ce ne sono alcune, anche fra quelle per cui non è scattato il bonus, in cui quasi il 20% dei treni non è arrivato in orario”.

L’assessore sottolinea che si tratta di “un servizio inadeguato e inaccettabile al quale viene sottoposta l’utenza Toscana, non ci sono miglioramenti e ribadisco bisogna intervenire sulle cause; il ristoro non basta. Occorre che Rfi e Trenitalia siano coordinati, occorre che sia data comunicazione alla Regione e ai cittadini, in modo tempestivo e preventivo”.

E sui diesel Baccelli conferma i problemi rimarcando l’attesa dei nuovi blues. “Il rinnovo della flotta, la sostituzione dei vetusti mezzi diesel con i blues contribuirà a migliorare l’andamento nelle linee, ma nel frattempo occorrono provvedimenti seri e immediati”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments