Terzo settore: Toscana, verso legge per collaborazione enti-Pa

terzo settore

La legge regionale sul Terzo settore, approvata dalla Giunta toscana nella seduta del 9 settembre scorso, si pone gli obiettivi di promuovere e sostenere gli enti del Terzo settore rendendo sistematica la collaborazione tra queste realtà e le pubbliche amministrazioni grazie alla co-progettazione e alla co-programmazione. Per l’approvazione finale dovrà passare all’esame del Consiglio regionale.

Il testo, dal titolo ‘Norme di sostegno e promozione degli enti del Terzo settore toscano’ è stato illustrato ieri dal presidente della Regione, Enrico Rossi, con l’assessore al Diritto alla salute e sociale Stefania Saccardi. La pdl definisce le modalità del coinvolgimento degli enti del Terzo settore nell’esercizio delle funzioni regionali di programmazione, indirizzo e coordinamento e nella realizzazione di specifici progetti di servizio o di intervento.

La Regione Toscana intende promuovere lo sviluppo e il consolidamento della rappresentanza di settore e valorizzare il ruolo di questi soggetti come agenti attivi di sviluppo e coesione sociale.

La norma, precisa una nota, è la prima legge regionale approvata dopo la riforma nazionale del 2017 e riguarderà in Toscana oltre 6.500 enti di volontariato, promozione sociale e cooperazione sociale.

“Questa è una buona legge, motivo di soddisfazione – ha detto il presidente Rossi – è la prima legge regionale che riconosce al vasto mondo del volontariato il diritto di partecipare alla progettazione e alla programmazione. La Consulta che faremo diventa punto di riferimento per le proposte che il Terzo settore vorrà fare alla giunta, e momento di confronto per gli atti che la Giunta vorrà fare”.

Per l’assessore Saccardi, “è una norma importante per quello che dice, ma anche perché può essere la cornice normativa alla quale le amministrazioni locali possono fare riferimento per ancorare le loro scelte”.

avatar