Stadio: giunta comunale Firenze dà l’ok a variante Mercafir

Il nuovo Stadio divide Nardella e Commisso

Il sindaco Nardella: “Per la Fiorentina  pronto a tutto tranne che alla galera”.”La Mercafir non è di Dario Nardella. Fosse casa mia io mi siederei e farei un negoziato con Commisso, ma non è casa mia”.

“La Mercafir non è di Dario Nardella. Fosse casa mia io mi siederei e farei un negoziato con Commisso, ma non è casa mia. Io sono il sindaco di Firenze, devo rispettare le leggi e fare gli interessi pubblici della città.Se non facessi questo andrei in galera, da grande tifoso e sindaco sono pronto a fare tutto per la Fiorentina tranne che andare in galera”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine di una conferenza stampa a Palazzo Vecchio, rispondendo ad una domanda sul nuovo stadio della Fiorentina.”Per quanto riguarda la valutazione dell’area Mercafir noi abbiamo applicato le leggi e l’abbiamo affidata a una commissione tecnica – ha continuato -. Abbiamo intenzione di dare una mano alla Fiorentina nel rispetto delle leggi perché aiutando la Fiorentina aiutiamo anche Firenze”.

Intanto la Giunta Comunale ha dato il via libera definitivo alla variante per la realizzazione del nuovo stadio e del nuovo mercato ortofrutticolo nell’area Mercafir, che ora passa all’esame del consiglio comunale per l’approvazione definitiva.

La variante, presentata dall’assessore all’urbanistica Cecilia Del Re, è stata approvata oggi dalla giunta di Palazzo Vecchio dopo l’adozione in consiglio comunale il 25 novembre 2019, la pubblicazione sul Burt e i 30 giorni previsti per le osservazioni. Sono pervenute quattro osservazioni, risultate non accoglibili.

La variante approvata oggi, precisa una nota del Comune, specifica quattro punti: l’aspetto patrimoniale dello stadio, la modalità attuativa del comparto nord, l’attribuzione della capacità edificatoria e delle relative destinazioni d’uso a ciascun comparto e le condizioni di accessibilità dell’area. Tutti aspetti che precisano il contenuto della previsione vigente senza alterarlo né in termini di localizzazione né di dimensioni.

Sulle perplessità di Commisso “capisco”, ha aggiunto  Nardella, “che per chi è abituato al sistema americano venire in Italia è un po’ un trauma rispetto alla questioni della burocrazia, del fisco e delle leggi. Come sindaco però devo far rispettare le leggi. Noi siamo pronti a valutare qualunque proposta concreta, nel frattempo andiamo avanti” per “realizzare un nuovo stadio nell’area Mercafir”.

“Non ci spaventa un’opera, per quanto complessa, come lo stadio”, “in questi anni ne ho viste di tutti i colori e con tutte le proprietà della Fiorentina ho sempre avuto tanta pazienza. Se Commisso vuole spendere tra qualche giorno ha un’occasione perché uscirà entro poco il bando per l’area Mercafir. La nostra strada è per uno stadio nuovo ma siamo disponibili a dare tutte le risposte alle richieste e alle domande che ci arrivano dalla Fiorentina”. ha poi sottolineato    Nardella ai microfoni di Radio Toscana. “Preferisco i fatti alle parole perché altrimenti si generano confusione e polemiche e non voglio certo questo nei confronti di Commisso e Barone, per i quali ho grande rispetto – ha aggiunto Nardella -. Se i problemi fossero davvero legati ai costi in più sulle tasse magari Commisso dovrebbe tirare le orecchie ai suoi consulenti che non gliel’hanno fatto notare”. Per Nardella, “la Mercafir consente di realizzare più di 30mila mq di commerciale, oltre agli spazi all’interno dello stadio. Questo non è poco, quando si chiede che il Comune dia una mano. Devo rispettare le leggi e il prezzo non lo faccio io, se il prezzo non va bene si agirà di conseguenza. Sono io il primo a dire di fare le cose ‘fast’ e ho detto che si farà lo stadio in quattro anni”. Nardella ha annunciato poi che per lo stadio Artemio Franchi “nelle prossime settimane faremo un confronto con architetti, urbanisti e il quartiere. Sulla questione dico ‘niente panico’, Firenze ha energie e capacità per un progetto nuovo per lo stadio che continuerà ad ospitare eventi sportivi. Sarà una riqualificazione complessiva per il Campo di Marte”.

E riguardo alla polemica sulla manutenzione dello stadio, il sindaco dice:  “non mi interessa la polemica. Dico che la manutenzione ordinaria spetta alla Fiorentina, quella straordinaria al Comune e noi come spendiamo quasi 500mila euro l’anno. Da tifoso spero che la Fiorentina vinca qualche partita, da sindaco rispetto le leggi perché Firenze possa avere nel più breve tempo possibile il suo stadio”.

Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, a margine di una conferenza stampa a Palazzo Vecchio, replicando alle affermazioni fatte dal presidente della Fiorentina Rocco Commisso sulle condizioni dello stadio Franchi. Sulla possibilità di costruire 20.000 metri quadri di area commerciale nel quartiere di Campo di Marte “è un punto” su cui “riflettere, 20.000 metri quadri non sono uno scherzo”. “Noi siamo sempre stati e continueremo ad essere totalmente disponibili – ha ribadito – a dare tutte le risposte che servono sui metri quadri, sugli ettari, sull’Imu, sui volumi, sulle procedure”.

avatar